Fiat Chrysler: vendite in calo in USA e in Italia a febbraio

Il gruppo italo americano ha visto diminuire le sue vendite del 2% in USA e dell'8% nel nostro paese

di , pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Il gruppo Fiat Chrysler perde terreno in USA e in Italia a febbraio 2019. La società del numero uno Mike Manley infatti ha visto diminuire le proprie immatricolazioni nei due importanti mercati. In USA FCA ha perso il 2 per cento rispetto al mese di febbraio del 2018. In Italia il gruppo italo americano ha perso invece l’8 per cento. Negli Stati Uniti le unità vendute dalla società del Presidente John Elkann sono state esattamente 162.036 contro le 165.903 di un anno prima. In Italia invece le consegne sono state quasi 44.190. In USA il marchio Ram è l’unico che cresce a febbraio grazie ad un aumento delle vendite di pick up negli States. Il marchio Jeep di solito sempre positivo ha perso invece il 4 per cento.

Perde terreno in Italia e Stati Uniti il gruppo Fiat Chrysler Automobiles, immatricolazioni in calo

Sempre in USA molto male Alfa Romeo che perde il 13 per cento con 1.362 unità immatricolate e Fiat che invece perde il 50%. Per quanto riguarda invece l’Italia,  il marchio Jeep che con oltre 9.400 unità immatricolate registra una crescita del 37,6 per cento. Molto bene anche Lancia che cresce del 37% grazie all’ottima performance della Ypsilon. Male invece Alfa Romeo e Fiat. La casa automobilistica del Biscione perde il 47 per cento rispetto al mese di febbraio del 2018. Nonostante tutto però Fiat Panda si conferma come l’auto più venduta in Italia a febbraio. Al secondo posto un’altra auto del gruppo Fiat Chrysler Automobiles: Lancia Ypsilon. 

Leggi anche: Jeep Grand Wagoneer è tra i modelli previsti dal nuovo invesimento di FCA in USA

Fiat Chrysler perde colpi in USA e Italia, il gruppo italo americano ha visto diminuire le sue vendite del 2% in USA e dell’8% nel nostro paese

Leggi anche: Fiat Panda: in attesa del nuovo modello cresce la produzione a Pomigliano

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: