Fiat Chrysler taglia 1.500 posti di lavoro nello stabilimento di Windsor

Fiat Chrysler licenzierà 1.500 dipendenti nel suo stabilimento di assemblaggio a Windsor in Ontario

di , pubblicato il
Fiat Chrysler licenzierà 1.500 dipendenti nel suo stabilimento di assemblaggio a Windsor in Ontario

Fiat Chrysler licenzierà 1.500 dipendenti nel suo stabilimento di assemblaggio a Windsor in Ontario. Questo avverrà in quanto la casa automobilistica italo americana ha deciso di voler mettere fine alla produzione della Dodge Grand Caravan. Giovedì, FCA ha comunicato all’Unifor i suoi piani per tagliare il terzo turno nello stabilimento a partire dal 29 giugno. Alla fine di maggio, il minivan eliminerà gradualmente i volumi per “allineare i volumi alla domanda”. Lo ha confermato la portavoce della FCA Lou Ann Gosselin.

Fiat Chrysler licenzierà 1.500 dipendenti nel suo stabilimento di assemblaggio a Windsor in Ontario

“La società farà ogni sforzo per collocare i dipendenti licenziati a tempo indeterminato in posizioni aperte a tempo pieno man mano che diventano disponibili in base all’anzianità e offriranno pacchetti pensionistici ai dipendenti che hanno i requisiti per usufruirne”, ha affermato la nota. La mossa arriva dopo che Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato l’intenzione di fondersi con il gruppo francese PSA a dicembre. I dirigenti hanno promesso di non chiudere alcun impianto nella fusione. “Nella fusione non ci saranno effetti sulla produzione in Ontario”, ha dichiarato l’amministratore delegato della FCA Mike Manley.

La decisione di eliminare Dodge Grand Caravan deriva dal fatto che Fiat Chrysler vuole trasformare il marchio americano in un brand di auto ad alte prestazioni come la Dodge Charger e Challenger. Viceversa sarà Chrysler il marchio per le monovolume con Voyager e Pacifica.

Leggi anche: Fiat Chrysler: gli stabilimenti di Windsor e Belvidere resteranno inattivi per due settimane

Fiat Chrysler

Leggi anche: Mike Manley ha ricevuto un compenso di 13,28 milioni di euro da FCA nel 2019

Argomenti: