Fiat Chrysler: Sergio Marchionne conferma il suo addio nel 2018

Il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l'amministratore delegato Sergio Marchionne alla fine del 2018 darà il suo addio alla guida del gruppo

di Andrea Senatore, pubblicato il

Il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Sergio Marchionne, alla fine del 2018 darà il suo addio alla guida del gruppo. Lo ha confermato lo stesso Marchionne ieri durante la conferenza stampa che si è svolta in occasione del North American International Auto Show di Detroit 2017. Il Ceo di FCA ha pure confermato che lascerà la Presidenza di Ferrari. Si tratta della conferma ad una notizia che comunque già si conosceva da tempo. Il top manager del gruppo italo americano fin dal suo arrivo alla guida dell’azienda aveva precisato che la sua esperienza in ogni caso si sarebbe conclusa nel 2018.

Fiat Chrysler: Sergio Marchionne molto ottimista circa il raggiungimento degli obiettivi fissati entro il 2018

Sergio Marchionne spera di concludere in bellezza la sua esperienza in Fiat Chrysler con il raggiungimento degli obiettivi che fin dall’inizio ha più volte enunciato e cioè 9 miliardi di utile operativo, 5 di utile netto. Si tratta di un traguardo che a due anni dalla scadenza del suo mandato non sembra così facile da realizzare. Tuttavia gli analisti ritengono possibile ciò e mostrano grande fiducia nei confronti dell’amministratore delegato di FCA. Del resto lo stesso Sergio Marchionne si dice molto ottimista circa la possibilità di lasciare il gruppo nella migliore delle condizioni.

Leggi anche: Jeep Grand Cherokee 2019: la futura generazione sarà su base Alfa Romeo

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: a fine 2018 l’addio di Sergio Marchionne

Leggi anche: Maserati e Alfa Romeo: nessuno Spin-off da Fiat Chrysler, parola di Marchionne

Il successore sarà scelto all’interno di FCA

A proposito del suo successore alla guida di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne ritiene che il suo sostituto verrà scelto all’interno del gruppo tra i tanti validi manager cresciuti con lui in questi ultimi anni e tutti capaci di sostituirlo nel migliore dei modi. La scelta comunque non spetterà a lui ma bensì al Presidente John Elkann unitamente al Consiglio d’amministrazione della società che a tempo debito si riunirà per decidere la nomina del futuro amministratore delegato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler