Fiat Chrysler sceglie IDEMIA per migliorare l’esperienza dei veicoli connessi

Fiat Chrysler sceglie IDEMIA per migliorare l'esperienza dei veicoli connessi

di , pubblicato il
Fiat Chrysler sceglie IDEMIA per migliorare l'esperienza dei veicoli connessi

Fiat Chrysler Automobiles porta il suo programma telematico globale all’avanguardia al livello successivo con l’integrazione di IDEMIA eSIM (DAKOTA) e la piattaforma di gestione delle sottoscrizioni (Smart Connect). Questi servizi innovativi, già operativi, consentono a FCA di ottimizzare le operazioni del veicolo ogni giorno. ESIM DAKOTA sarà integrato direttamente nei nuovi modelli di veicoli FCA che saranno lanciati in più regioni.

Fiat Chrysler sceglie IDEMIA per migliorare l’esperienza dei veicoli connessi

Le soluzioni offerte da IDEMIA aprono la strada a servizi on demand come chiamate di emergenza, manutenzione predittiva e servizi assicurativi. Semplificano inoltre il processo di produzione e consentono aggiornamenti software remoti e personalizzazione dei kit di connettività in base alle normative e ai requisiti locali. Mentre le auto connesse dovrebbero rappresentare oltre il 90% delle vendite totali di veicoli entro il 2024 e il valore dei servizi connessi nell’abitacolo dovrebbe aumentare del + 28% tra il 2017 e il 2030, il mercato è favorevole per DAKOTA e Smart Connect.

Leggi anche: Fiat Chrysler avverte che il coronavirus potrebbe far chiudere un impianto in Europa

“In un contesto di aumento del numero di auto connesse, la nostra collaborazione con FCA mette in luce il nostro know-how e la nostra competenza ad alta tecnologia. Da produttori di automobili di fascia alta e di più di 500 operatori di telefonia mobile in tutto il mondo usano IDEMIA per soddisfare le loro molteplici esigenze di connettività e semplificare la migrazione a questo nuovo ecosistema, facendoci chiaro un partner affidabile ” , dice Yves Portalier, Vicepresidente esecutivo responsabile delle attività sui dispositivi biometrici e automotivi presso IDEMIA.

Leggi anche: La fusione con PSA consentirà a FCA di lanciare più rapidamente nuovi modelli

Argomenti: