Fiat Chrysler rinvia i licenziamenti a Windsor

Fiat Chrysler ha deciso di rinviare di 3 settimane l'eliminazione del terzo turno nello stabilimento di Windsor a causa di un maxi ordine

di , pubblicato il
Fiat Chrysler ha deciso di rinviare di 3 settimane l'eliminazione del terzo turno nello stabilimento di Windsor a causa di un maxi ordine

Circa 1500 dipendenti dello stabilimento Fiat Chrysler di Windsor, che dovevano essere licenziati il ​​30 settembre, lavoreranno per altre tre settimane. La notizia è stata annunciata dal loro sindacato, Unifor Local 444, sulla sua pagina Facebook. “La società ci ha informato che aveva appena ricevuto un maxi ordine per i suoi veicoli”, ha detto il presidente Dave Cassidy. Cassidy ha aggiunto che il sindacato stava ancora facendo pressione sulla società e sul governo in modo che il terzo turno dell’impianto non venisse eliminato.

Nelle prossime settimane Unifor incontrerà i rappresentanti del gruppo italo americano più volte con l’obiettivo di convincerli a non tagliare il terzo turno e far perdere così circa 1.500 posti di lavoro.

Fiat Chrysler ha deciso di rinviare di 3 settimane l’eliminazione del terzo turno nello stabilimento di Windsor a causa di un maxi ordine

Fiat Chrysler per il momento non sembra voler cambiare idea giustificando la sua scelta con il fatto che il calo delle vendite dei minivan Chrysler Pacifica e Dodge Grand Caravan che lì vengono prodotti ha costretto la società italo americana a ridurre la produzione nello stabilimento. La decisione di tagliare il terzo turno di lavoro è stata annunciata da FCA lo scorso mese di marzo. Vi aggiorneremo naturalmente nel caso in cui dovessero arrivare novità importanti sul futuro dello stabilimento canadese di FCA.

Leggi anche: FCA lancia la nuova piattaforma Uconnect Market che permetterà di acquistare prodotti direttamente in auto

Fiat Chrysler ha deciso di rinviare di 3 settimane l’eliminazione del terzo turno nello stabilimento di Windsor a causa di un maxi ordine

Leggi anche: FCA farà un grosso investimento a Windsor ma per il momento i licenziamenti sono confermati

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: