Fiat Chrysler punta al ritorno all’utile in Europa nel quarto trimestre

Il gruppo italo americano prevede di ripristinare la redditività in Europa entro il quarto trimestre o prima

di , pubblicato il
Il gruppo italo americano prevede di ripristinare la redditività in Europa entro il quarto trimestre o prima

Fiat Chrysler Automobiles prevede di ripristinare la redditività in Europa entro il quarto trimestre o prima, afferma il CEO Mike Manley, nonostante abbia iniziato l’anno segnalando una perdita. Manley ha detto agli analisti il 5 maggio che si aspetta che “i trimestri successivi vedano un ritorno alla redditività, con la regione che si riprende a circa un margine del 3% entro il quarto trimestre”.

Il margine di profitto di FCA in Europa è stato dell’1,8 percento nel 2018, dopo aver raggiunto un massimo del 3,23 percento nel 2017, quando la produzione Alfa Romeo funzionava a pieno regime.

Il gruppo italo americano prevede di ripristinare la redditività in Europa entro il quarto trimestre o prima

Per il primo trimestre, tuttavia, Fiat Chrysler ha registrato una perdita di 19 milioni di euro prima degli interessi e delle tasse in Europa, Medio Oriente e Africa. Si tratta della seconda perdita trimestrale dal 2015. Nello stesso trimestre dell’anno scorso, FCA ha pubblicato un utile di 182 milioni di euro.  Le entrate FCA nella regione EMEA sono diminuite del 10% a causa dei volumi inferiori. Le spedizioni di veicoli sono diminuite di 44.000 unità o del 12 percento a 302.000, con i marchi Alfa Romeo e Fiat che rappresentano quasi tutto il declino, ha detto Manley.

Secondo i ricercatori di mercato JATO Dynamics, le vendite della berlina Alfa Romeo Giulietta sono scese del 42% in Europa nel primo trimestre, mentre le consegne della berlina di medie dimensioni di Giulia sono diminuite del 45% e il SUV di medie dimensioni Stelvio è calato del 16%. Negli Stati Uniti, le vendite di Giulia sono diminuite del 34 percento nel trimestre, mentre Stelvio ha perso il 16 percento. La direzione di FCA ha affermato che il calo del volume di autovetture nella regione è principalmente dovuto ai modelli dismessi e alla decisione di ridurre la dipendenza dai canali a basso margine. L’inventario delle scorte del rivenditore è sceso di 13.000 unità dalla fine del trimestre precedente.

Leggi anche: FCA farà un grosso investimento a Windsor ma per il momento i licenziamenti sono confermati

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles

Leggi anche: FCA Mirafiori: nel 2019 cassa integrazione di massa in attesa della 500 elettrica

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: