Fiat Chrysler: primo semestre 2017 molto negativo in USA

Fiat Chrysler Usa: il primo semestre del 2017 fa segnare un calo nelle immatricolazioni per il gruppo italo americano nel grande paese americano

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Il primo semestre del 2017 è stato molto negativo negli Stati Uniti per Fiat Chrysler Automobiles. Il gruppo guidato dal numero uno Sergio Marchionne infatti vede diminuire in maniera abbastanza cospicua le proprie immatricolazioni nel grande paese americano. Dopo un mese di giugno in calo del 7,45 per cento è stato possibile fare un bilancio dei primi mesi mesi.

 

Questi vedono calare Fiat Chrysler Automobiles in totale del 6.7 per cento con 1.067.360 di unità immatricolate. Jeep, Chrysler, Dodge e Fiat sono i brand dati in calo negli Stati Uniti per il gruppo FCA. Jeep in particolare perde il 12,7 per cento a causa della consegna di 406.291 unità. A proposito del brand americano di FCA crescono le quotazioni di Grand Cherokee e Renegade mentre diminuiscono le vendite di Cherokee.

 

Fiat Chrysler: vanno male le cose nel primo semestre 2017 in USA

 

Non è solo Jeep a calare per Fiat Chrysler. Dodge ad esempio subisce un calo del 4 per cento nei primi sei mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Anche Chrysler con 102.095 auto vendute fa registrare una flessione del 21 per cento. Anche Fiat con poco meno di 15 mila unità vendute chiude il primo semestre dell’anno con un calo del 12 per cento che riguarda quasi tutte le vetture del brand di Torino.

 

Le uniche note liete che arrivano dagli Stati Uniti per Fiat Chrysler Automobiles riguardano Ram che con 279.595 unità cresce del 7,55 per cento e Alfa Romeo. La casa automobilistica del Biscione in totale ha consegnato negli USA  3700 unità di cui 3,474 sono Alfa Romeo Giulia. 

 

Leggi anche: Alfa Romeo e Maserati consentono a Fiat Chrysler di aumentare la produzione in Italia

 

Fiat Chrysler Usa

Fiat Chrysler Usa: il primo semestre del 2017 fa segnare un calo nelle immatricolazioni per il gruppo italo americano, male Jeep e Fiat, bene Ram e Alfa Romeo

 

Leggi anche: Maserati: anche lo stabilimento di Modena contribuisce alla crescita di Fiat Chrysler

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler