Fiat Chrysler perde il 4,3% in Europa nel primo trimestre del 2018

Fiat Chrysler in calo in Europa nel primo trimestre del 2018, il gruppo italo americano perde il 4,3 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

di Andrea Senatore, pubblicato il
FCA

Arrivano cattive notizie per Fiat Chrysler dall’Europa. Il gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne ha infatti perso il 4,3 per cento delle immatricolazioni nel primo trimestre del 2018 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il calo delle vendite è da addebitare principalmente alla brutta performance di cui è stata protagonista il brand Fiat. La principale casa automobilistica italiana infatti ha perso il 9,6 per cento. In totale sono state 290 mila le consegne di cui FCA è stata protagonista nel vecchio continente nei primi tre mesi dell’anno. A seguito di questo risultato FCA diventa il quinto gruppo in Europa per numero di auto vendute dietro a Volkswagen, PSA, Renault e Ford.

Fiat Chrysler in calo in Europa nel primo trimestre del 2018, il gruppo italo americano perde il 4,3% rispetto allo scorso anno

Per Fiat Chrysler particolarmente male è andato il mese di marzo che con 120 mila unità immatricolate ha visto un calo dell’8 per cento. Il Brand Fiat ha perso il 9,6 per cento avendo immatricolato nei primi 3 mesi dell’anno 207 mila unità. A marzo 2018 le vendite di auto di Fiat sono state 87 mila con un calo del 12 per cento. Molto male anche Lancia che chiude il primo trimestre del 2018 con un calo del 36 per cento con 13 mila consegne. A Marzo Lancia perde il 37 per cento. Molto bene invece Alfa Romeo e Jeep che nel primo trimestre del 2018 ottengono rispettivamente una crescita del 15 e del 52 per cento. La casa americana a marzo con 16 mila immatricolazioni ha visto crescere le vendite del 42 per cento. Jeep nel primo trimestre ha venduto 42 mila unità.

Leggi anche: Fiat Cronos entra nella top 20 delle auto più vendute in Brasile nella prima metà di aprile

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler in calo in Europa nel primo trimestre del 2018, il gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne perde il 4,3 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Leggi anche: Fiat Chrysler Melfi: esoscheletri per alcuni dipendenti, si apre l’era dei lavoratori bionici?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler