Fiat Chrysler: per la Fiom le condizioni di lavoro degli operai sono peggiorate

Fiat Chrysler: La Fiom CGIL bacchetta il gruppo italo americano sulla condizione dei lavoratori presenti negli stabilimenti della società.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler Melfi

Duro attacco della Fiom Cgil al gruppo Fiat Chrysler Automobiles. Secondo un indagine effettuata dai sindacati le condizioni dei lavoratori dentro gli stabilimenti italiani del gruppo di Sergio Marchionne sarebbero peggiorate per almeno il 60 per cento dei lavoratori. Solo per il 12 per cento degli interpellati negli ultimi anni le condizioni di lavoro sarebbero migliorate, per gli altri invece sarebbero rimaste invariate. Giudizi poco lusinghieri arrivano per i carichi di lavoro giudicati come eccessivi. Per circa la metà degli intervistati dall’indagine, di cui solo il 21,8 per cento fa parte della Fiom, i tempi di lavoro sono per nulla sostenibili.

Fiat Chrysler: La Fiom CGIL bacchetta il gruppo italo americano sulla condizione dei lavoratori presenti negli stabilimenti della società

Dure critiche arrivano anche ai salari giudicati  insufficiente dal 60,9%. Anche i bonus vengono giudicati nella stessa maniera dal 44 per cento dei dipendenti di Fiat Chrysler Automobiles. Sulla questione è intervenuta anche il numero uno della CGIL Susanna Camusso che ha avuto parole dure nei confronti del gruppo italo americano.

La società del numero uno Sergio Marchionne è stata definita deludente sul fronte delle condizioni dei lavoratori. Questo sebbene FCA si definisca una società innovativa. Altra cosa che non va giù al leader del sindacato è il ricorso sempre più frequente all’interno degli stabilimenti del gruppo alla cassa integrazione e ai contratti di solidarietà.

Si tratta di una consuetudine che genera incertezza nei lavoratori che temono per il loro futuro. Tra l’altro sempre per la CGIL l’idea di produrre in futuro solo auto di alta gamma non garantisce la piena occupazione negli stabilimenti così come invece ha lasciato intendere Sergio Marchionne in passato.

Leggi anche: Fiat Chrysler punta a conquistare l’America Latina: 25 nuovi modelli entro il 2023

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: La Fiom CGIL bacchetta il gruppo italo americano sulla condizione dei lavoratori presenti negli stabilimenti della società

Leggi anche: Fiat Chrysler domina la classifica dei noleggi a lungo termine, Alfa Romeo Stelvio in top ten

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler

I commenti sono chiusi.