Fiat Chrysler pagherà fino a 3.075 dollari ai clienti di Jeep e Ram per il dieselgate

Il gruppo italo americano risarcirà con 3 mila dollari a testa i clienti di Jeep e RAM rimasti coinvolti nel dieselgate

di , pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles ha riferito oggi di aver raggiunto un accordo con la giustizia degli Stati Uniti per porre fine alla causa legale collettiva che stava affrontando a causa dell’uso di un software illegale per nascondere le emissioni dei suoi motori diesel. FCA ha spiegato in una dichiarazione che “ha ricevuto l’approvazione finale” del presente accordo per porre fine alla controversia, ma ribadisce che non ha commesso alcuna infrazione o irregolarità.

Il gruppo italo americano risarcirà con 3 mila dollari a testa i clienti di Jeep e RAM rimasti coinvolti nel dieselgate

Fiat Chrysler sottolinea che l’accordo “prevede un compenso monetario” per un numero di clienti interessati, che devono presentare richieste prima del 3 febbraio 2021. “I clienti che inviano un reclamo valido riceveranno un pagamento in contanti. Secondo l’accordo sulla domanda collettiva, i proprietari possono ricevere fino a 3.075 dollari (circa 2.747 euro) e quelli che noleggiavano veicoli con opzione di acquisto, fino a 990 dollari (circa 884,4 euro) “, si legge nella nota.

Fiat Chrysler si impegna inoltre a fornire aggiornamenti gratuiti al software di controllo del motore e una garanzia estesa sui powertrain per i pick up Ram 1500 2014-2016 e i SUV Jeep Grand Cherokee con motore diesel. Infine, informerà un revisore indipendente sullo stato delle varie iniziative all’interno dell’azienda, come i progressi nella formazione e i miglioramenti nel processo di certificazione.

Leggi anche: Fiat Chrysler prevede di costruire a Detroit una nuova Jeep Grand Cherokee a tre file

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler risarcirà con 3 mila dollari a testa i clienti di Jeep e RAM rimasti coinvolti nel dieselgate

Leggi anche: FCA farà un grosso investimento a Windsor ma per il momento i licenziamenti sono confermati

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: