Fiat Chrysler: niente più alleanze dopo la cessione di Magneti Marelli

Mike Manley CEO di Fiat Chrysler ha detto che dopo la cessione di Magneti Marelli non saranno necessarie alleanze.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

In occasione della rivelazione dei risultati del terzo trimestre del 2018, il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Mike Manley ha rilasciato interessanti dichiarazioni. Il nuovo CEO che a fine luglio ha preso il posto del compianto Sergio Marchionne sembra avere le idee chiare per il futuro. Dopo la cessione di Magneti Marelli, secondo l’AD non saranno più necessarie alleanze con altre società del settore. Secondo Manley infatti la posizione del suo gruppo è talmente forte da non avere più bisogno di accordi con altri. L’obiettivo quindi adesso sarà solo ed esclusivamente quello di portare a compimento il piano industriale annunciato lo scorso 1 giugno a Balocco.

Mike Manley CEO di Fiat Chrysler ha detto che dopo la cessione di Magneti Marelli non saranno necessarie alleanze

Questo piano prevede numerose novità da qui al 2022 per i brand che fanno parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles. Dalla cessione di Magneti Marelli FCA ha ricavato 6,2 miliardi. Di questo 2 verranno restituiti agli investitori sotto forma di dividendo straordinario, il resto verrà utilizzato per portare avanti il piano industriale. Manley ha pure detto di aspettarsi molto da Pietro Gorlier nuovo numero uno dell’area EMEA per il gruppo italo americano che avrà il compito di migliorare la situazione dell’azienda in quella zona del mondo.

Leggi anche: Fiat Punto addio: nei giorni scorsi prodotto l’ultimo esemplare, i lavoratori di FCA immortalano l’evento

Mike Manley CEO Fiat Chrysler

Mike Manley CEO di Fiat Chrysler ha detto che dopo la cessione di Magneti Marelli non saranno necessarie alleanze

Leggi anche: Fiat Chrysler: ecco la situazione a 3 mesi esatti dalla morte di Sergio Marchionne

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler