Fiat Chrysler Mirafiori, contratti di solidarietà per altri 6 mesi, i sindacati sperano nel grande Suv di Alfa Romeo

Fiat Chrysler Mirafiori: sono stati annunciati altri 6 mesi di contratti di solidarietà per i dipendenti del famoso stabilimento, sindacati preoccupati

di Andrea Senatore, pubblicato il
Maserati Levante

I Sindacati sono in allarme da quando si è saputo che i responsabili di Fiat Chrysler Mirafiori hanno deciso di optare per altri 6 mesi di contratti di solidarietà per i propri dipendenti. Il segretario della Uilm Dario Basso ha chiesto a Sergio Marchionne di mantenere le promesse fatte in passato. Ricordiamo infatti che l’amministratore delegato del gruppo italo americano aveva promesso la piena occupazione per lo stabilimento già a partire dal 2018. Ovviamente questo provvedimento mette in serio rischio questa possibilità.

 

La produzione destinata a scendere nei prossimi mesi nello stabilimento Fiat Chrysler Mirafiori

 

Ricordiamo che attualmente nello stabilimento di Fiat Chrysler Automobiles viene prodotto un veicolo di grande successo come Maserati Levante. Questo modello però da solo non basta a garantire la piena occupazione della fabbrica che conta attualmente 3.750 dipendenti.  Il segretario della Fiom, Federico Bellono, si dice preoccupato dal fatto che nei prossimi mesi il numero dei dipendenti interessati dai contratti di solidarietà aumenterà. Questo a causa di una riduzione nella produzione non solo di Alfa Romeo MiTo, l’altra auto prodotta a Mirafiori, ma anche dello stesso Maserati Levante.

 

Si spera nel nuovo grande Suv di Alfa Romeo

 

A questo punto si chiede a Sergio Marchionne di accelerare il piano per l’arrivo di un nuovo grande suv di Alfa Romeo che dovrebbe aumentare la produzione dello stabilimento in maniera sensibile. Attualmente però questo modello, la cui produzione in un primo momento sembrava potesse cominciare già nel primo semestre del 2018 potrebbe subire un rallentamento. Infatti dopo l’uscita dei primi due modelli del Biscione sul mercato il progetto di lanciare nuovi veicoli sembra aver subito qualche rallentamento. I sindacati dunque chiedono un nuovo incontro con Sergio Marchionne.

 

Leggi anche: Fiat Chrysler: l’mpianto di Windsor ferma la produzione il mese prossimo, ecco il motivo

 

Fiat Chrysler Mirafiori

Fiat Chrysler Mirafiori: sono stati annunciati altri 6 mesi di contratti di solidarietà per i dipendenti del famoso stabilimento, sindacati preoccupati

 

Leggi anche: Fiat Chrysler: per Goldman Sachs farebbe bene a far uscire Magneti Marelli, Alfa Romeo e Maserati

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler