Fiat Chrysler: maxi richiamo in Russia per Jeep Grand Cherokee

Fiat Chrysler Automobiles: maxi richiamo in Russia per 8.890 Jeep Grand Cherokee vendute tra settembre 2014 e aprile 2016

di Andrea Senatore, pubblicato il
Jeep Grand Cherokee

Un Maxi richiamo in Russia vedrebbe come suo protagonista il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles. L’azienda guidata dal numero uno Sergio Marchionne nelle scorse ore avrebbe dato notizia di aver richiamato 8.890 Jeep Grand Cherokee vendute tra settembre 2014 e aprile 2016. E’ stata l’agenzia russa Rosstandart a dare la notizia del richiamo essendo stata informata tempestivamente dalla divisione locale di FCA. Ricordiamo che ultimamente a proposito di Jeep sono state registrate in Russia vendite a picco negli ultimi 3 anni. 

 

Fiat Chrysler: probabile richiamo in Russia per Jeep Grand Cherokee

 

Per Fiat Chrysler Automobiles quello russo è un mercato difficile. Il richiamo a quasi 9 mila Jeep Grand Cherokee per un problema certamente non aiuta a migliorare la fama delle vetture del gruppo italo americano nel paese russo. Il richiamo sarebbe necessario per reinstallare il software delle vetture. La notizia in questione avrebbe contribuito al calo in Borsa del titolo di FCA nelle ultime ore.

 

Nel frattempo dagli USA fa rumore la richiesta fatta dal gruppo di Sergio Marchionne venerdì scorso. FCA USA ha presentato richiesta di certificazione presso l’Environmental Protection Agency (Epa) e la California Air Resources Board (Carb). La richiesta di certificazione ha riguardato i veicoli diesel Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 prodotti nel 2017.

 

Leggi anche: Chrysler 300 SRT con le ruote di Dodge Demon avvistata negli USA

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: maxi richiamo in Russia per 8.890 Jeep Grand Cherokee vendute tra settembre 2014 e aprile 2016

 

Leggi anche: Jeep Renegade: dal 18 maggio ordinabile in versione GPL

 

FCA spera che aggiornando il software dei 104 mila veicoli attualmente sotto inchiesta negli Stati Uniti  possa trovare un accordo e scongiurare pesanti conseguenze. In ogni caso gli analisti ritengono che anche nel caso di esito positivo della vicenda mediante aggiornamento dei software qualche multa potrebbe ugualmente venire comminata a FCA. Nei prossimi giorni è probabile che qualche notizia importante per la società automobilistica del Presidente John Elkann arriverà dagli Stati Uniti.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler, Jeep

Leave a Reply