Fiat Chrysler: le vendite in USA a maggio rallentano meno del previsto

Fiat Chrysler: il gruppo italo americano perde solo l'1 per cento a maggio negli USA, nonostante le previsioni degli analisti fossero assai peggiori

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

Arriva una buona notizia per Fiat Chrysler dagli Stati Uniti nelle ultime ore. Le vendite sul mercato auto americano da parte del gruppo guidato dal numero uno Sergio Marchionne rallentano ma meno del previsto. Con 193.040 unità le immatricolazioni vengono segnalate in calo dell’1 per cento. Gli analisti prevedevano un calo del 4,8 per cento dunque FCA è riuscita a fare molto meglio del previsto. Non a caso nelle scorse ore il titolo in Borsa di FCA in seguito alla notizia è cresciuto.

 

Fiat Chrysler perde solo l’1 per cento negli USA a maggio

 

Questo risultato è dato da una crescita dell’1 per cento delle vendite sul mercato dei privati. Mentre le vendite alle flotte aziendali hanno subito una contrazione del 7 per cento. I pickup Ram (+16 per cento), della Dodge Grand Caravan (+58 per cento) e della Jeep Grand Cherokee (+14 per cento) sono le auto che hanno ottenuto a maggio la crescita maggiore per Fiat Chrysler Automobiles. 

 

Andando a vedere i risultati dei singoli brand di Fiat Chrysler Automobiles, ci accorgiamo che i risultati sono altalenanti. Jeep ad esempio perde il 15 per cento immatricolando 75.516 unità, Dodge invece vede crescere le proprie immatricolazioni dell’8 per cento grazie a 4.922 unità. Ancora meglio fa Ram che ottiene una crescita del 18 per cento grazie a 51.044 unità. 

 

Le immatricolazioni di Chrysler invece calano del 2 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questo dato è frutto di 17.969 unità immatricolate. Fiat, vendendo 2.670 unità, ha perso terreno rispetto allo scorso anno riducendo le sue immatricolazioni del 16 per cento. Alfa Romeo invece grazie alla berlina Alfa Romeo Giulia ottiene 919 consegne, il 1.989 per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

 

Prendendo in considerazione i primi 5 mesi dell’anno, sempre a proposito di Fiat Chrysler Automobiles, notiamo che Alfa Romeo cresce del 935 per cento a 2.702 unità. Fiat invece perde il 14% per cento a 12.440 unità. Chrysler perde il 23 per cento a 82.354 unità. Jeep perde il 13 per cento a 333.138 unità. Ram guadagna l’8 per cento grazie a 230.950 consegne. Infine Dodge segna una crescita del 2 per cento a 218.430 sempre considerando i primi 5 mesi dell’anno.

 

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio in USA si dà al Golf per il lancio sul mercato

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: il gruppo italo americano perde solo l’1 per cento a maggio negli USA, nonostante le previsioni degli analisti fossero assai peggiori

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia DTM: Gherard Berger rivuole il Biscione in gara

 

Ford cresce mentre General Motors fa peggio di FCA

 

Oltre a Fiat Chrysler Automobiles, sempre a proposito del mercato auto degli Stati Uniti, segnaliamo anche che Ford Motor ha ottenuto un ottimo risultato. Il gruppo americano che di recente ha sostituito l’amministratore delegato Mark Fields, ha fatto registrare un aumento del 2,2 per cento delle immatricolazioni negli Stati Uniti, grazie a 241.126 unità consegnate.

 

Fa invece peggio di FCA General Motors. Il gruppo automobilistico del CEO Mary Barra ha visto calare dell’1,3 per cento a 237.364 unità le consegne quando invece gli analisti prevedevano un incremento. Si spera che il gruppo italo americano FCA possa adesso invertire la rotta e ricominciare a crescere dopo un periodo non molto positivo.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler