Fiat Chrysler lancia ‘Check to Protect’ per la sicurezza stradale in USA

Fiat Chrysler Automobiles: il gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne lancia insieme alla NHSTA un programma per favorire i richiami

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

Dagli Stati Uniti arriva una notizia molto interessante che riguarda il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles. In parole povere, nel tentativo di aumentare gli standard di sicurezza stradale, l’Automobiles National Safety Council e Fiat Chrysler hanno sviluppato un sito web che permette ai consumatori di verificare se il loro veicolo ha un richiamo in corso.

“Check to Protect”: la campagna di Fiat Chrysler in USA per la sicurezza stradale

 

La campagna è stata denominata “Check to Protect”. Questa è nata allo scopo di incoraggiare gli utenti a inserire il numero di identificazione di 17 cifre del loro veicolo che si trova in basso a sinistra del parabrezza o sul lato interno della porta lato guida nel sito www.checktoprotect.org per sapere se al momento vi sono richiami in corso per la propria vettura.

 

Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, più di 53 milioni di veicoli in funzione hanno problemi di sicurezza irrisolti negli Stati Uniti. “Gli incidenti stradali sono una delle principali cause di morte negli Stati Uniti,” ha dichiarato il Presidente e CEO di ANSC Debora Hersman in un comunicato stampa che è stato reso noto lo scorso 22 giugno 2017.

 

Leggi anche: Alfa Romeo grande Suv: avrà una lunghezza di circa 4,90 metri e motore di derivazione Ferrari

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: il gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne lancia insieme alla NHSTA un programma per favorire i richiami

 

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: il Biscione vuole raddoppiare le sue vendite in USA con il nuovo Suv

 

Obiettivo della campagna ridurre i rischi e spingere gli automobilisti a rispettare i richiami

 

“Quando i veicoli sono al top della forma, si riducono i rischi. Purtroppo, troppi automobilisti sono indulgenti quando si tratta di richiami, o non sono sicuri se la loro auto sia soggetta a un richiamo o meno. Controllare per proteggere dovrebbe contribuire a colmare quel gap di conoscenza e di conseguenza rendere le nostre strade più sicure.”

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler