Fiat Chrysler in futuro potrebbe dire addio all’Europa

Secondo Giuseppe Berta, docente dell’Università Bocconi di Milano FCA potrebbe dire addio all'Europa

di , pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Il futuro di Fiat Chrysler in Europa non sembra essere così certo. Le ipotesi su quello che accadrà nei prossimi anni all’interno del gruppo italo americano si moltiplicano giorno dopo giorno. Secondo Giuseppe Berta, docente dell’Università Bocconi di Milano, la società del numero uno Mike Manley, in futuro potrebbe anche dire addio all’Europa. Del resto i dati finanziari dicono che le attività europee di FCA non garantiscono redditività e dunque questo alla lunga potrebbe portare la società a dismettere le stesse e concentrarsi in Nord America.

Secondo Giuseppe Berta, docente dell’Università Bocconi di Milano FCA potrebbe dire addio all’Europa

Se davvero in futuro Fiat Chrysler dirà addio all’Europa questo potrebbe avere conseguenza anche sui marchi che fanno parte del gruppo. In questo caso infatti diventerebbe probabile la cessione di alcuni brand tra cui Fiat che ormai produce solo city car e che senza una gamma completa difficilmente potrebbe garantire reddito al gruppo in futuro. Secondo Berta, Fiat in futuro potrebbe fare gola a qualche produttore asiatico che voglia rafforzare la propria presenza nel vecchio continente.

Sempre secondo il docente già nel 2019 si capirà cosa Fiat Chrysler intende fare. Questo anche perché la situazione attuale non può durare ancora a lungo. Il prossimo 7 febbraio verranno annunciati i risultati finanziari del gruppo nel 2018. Questo potrebbe dare un’idea più precisa di quella che è la situazione attuale del gruppo e di quelli che potrebbero essere i prossimi passi in futuro.

Leggi anche: FCA: importante debutto al Salone dell’auto di Detroit per il gruppo italo americano

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: secondo il Professor Giuseppe Berta in futuro potrebbe dire addio all’Europa e vendere alcuni marchi

Leggi anche: Magneti Marelli ha grandi progetti dopo la cessione da parte di Fiat Chrysler

Argomenti: