Fiat Chrysler in declino in Europa nel primo trimestre 2019

Il gruppo italo americano vede calare le sue immatricolazioni di oltre il 10% nel primo trimestre

di , pubblicato il
Fiat Chrysler

Il gruppo Fiat Chrysler perde terreno in Europa nel primo trimestre del 2019. La società italo americana del numero uno Mike Manley infatti ha visto diminuire le proprie immatricolazioni del 10,6 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le consegne totali del brand che fanno parte di FCA nel nostro continente sono state infatti  circa 259 mila contro le 290 mila dello scorso anno. A causa di questo risultato, la quota di mercato in Europa della società del presidente John Elkann passa dal 6,8% dello scorso anno al 6,3 per cento di adesso. 

Il gruppo italo americano vede calare le sue immatricolazioni di oltre il 10% nel primo trimestre

Uno dei cali maggiori si sono riscontrati in Italia, dove Fiat Chrysler ha perso il 16 per cento rispetto allo scorso anno con 132 mila unità vendute. Questo risultato negativo è stato causato in Europa in particolare dal brand Fiat che ha venduto 179 mila unità nel corso dei primi tre mesi con un calo del 14 per cento. Molto male anche Alfa Romeo che perde il 40,7 per cento. Jeep e Lancia invece rispetto allo scorso anno vedono aumentare le proprie consegne. Il marchio americano cresce dell’11,4 per cento con circa 46 mila unità consegnate mentre Lancia del 35 per cento con 18 mila vendite. Si spera ovviamente che per FCA nel suo complesso le cose possano migliorare fin dal prossimo mese.

Leggi anche: Jeep Grand Wagoneer è tra i modelli previsti dal nuovo invesimento di FCA in USA

Fiat Chrysler perde terreno in Europa: Il gruppo italo americano vede calare le sue immatricolazioni di oltre il 10% nel primo trimestre

Leggi anche: FCA: Mike Manley cambia strategia rispetto a Sergio Marchionne

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.