Fiat Chrysler: in Francia l’Autorità Antrifrode indaga su presunte irregolarità

Arrivano nuovi guai dalla Francia per Fiat Chrysler Automobiles, il gruppo di Sergio Marchionne si trova a dover affrontare nuove accuse

di Andrea Senatore, pubblicato il

Arrivano nuovi guai dalla Francia per Fiat Chrysler Automobiles. Il gruppo di Sergio Marchionne si trova a dover affrontare nuove accuse dopo quelle lanciate negli Stati Uniti dall’EPA e in Germania dal Ministro dei Trasporti tedesco Alexander Dobrindt. Questa volta è l’Autorità Antifrode francese, che sta indagando sulle presunte irregolarità del modello Jeep Cherokee, a far parlare di se’. Ieri sera infatti si è sparsa la notizia che le conclusioni delle indagini effettuate da questa autorità sarebbero state trasmesse al Tribunale di Parigi. La notizia ovviamente non fa bene a FCA che questa mattina in Borsa ha accusato il colpo e il titolo è stato sospeso.

Un portavoce del gruppo italo americano rispedisce al mittente tutte le accuse, ribadendo che si tratta solo di un equivoco, che la società ha già fornito alcuni chiarimenti e che comunque i test effettuati non sarebbero conformi a quanto previsto dalla legge. Inoltre  questi test sarebbero stati effettuati solo su un singolo veicolo. Tra l’altro, la notizia arriva proprio nel giorno in cui invece dall’Unione Europea fanno sapere che la mediazione tra Italia e Germania, per risolvere la questione concernente le presunte irregolarità di alcuni veicoli di Fiat Chrysler denunciate dal Ministro dei trasporti tedesco, sarebbe a buon punto.

Leggi anche: Jeep Wrangler Rubicon Recon Edition: versione più estrema dell’iconico Suv

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: in Francia l’autorità Antifrode ha depositato in Tribunale le conclusioni delle sue indagini

Leggi anche: Volkswagen: anche Bosch dovrà risarcire i suoi clienti per il Dieselgate

Vedremo dunque come la situazione di Fiat Chrysler si evolverà in Europa. Per quanto riguarda la questione relativa alla Francia, secondo i risultati di un test pubblicato lo scorso luglio, il modello Jeep Cherokee di FCA avrebbe superato di otto volte il limite di NOx  previti dalla legge. Mentre sempre secondo il medesimo rapporto anche Fiat 500X  avrebbe superato di quasi 17 volte il limite di test su strada. FCA ha ribadito martedì che i suoi veicoli diesel sono  pienamente conformi ai requisiti sulle emissioni previsti dalla legge.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler

I commenti sono chiusi.