Fiat Chrysler: ecco cosa sta accadendo in America Latina

Il numero uno di Fiat Chrysler in America Latina ha fatto un bilancio di quella che è la situazione del gruppo nella regione

di , pubblicato il
Fiat Chrysler

Approfittando di un incontro con i fornitori principali in America Latina, il numero uno di Fiat Chrysler nel continente sudamericano, Antonio Filosa, ha fatto il punto della situazione del suo gruppo nella regione. Filosa ha detto che fino a questo momento vi è stato un calo del 6,6 per cento per FCA nel continente latino americano. Il motivo è la crisi economica che sta attraversando l’Argentina dove il volume delle vendite di auto si è praticamente dimezzato rispetto al 2018. Nonostante ciò però Filosa rimane ottimista e ritiene che alla fine dell’anno in ogni caso FCA dovrebbe riuscire ad incrementare le sue vendite in Sud America dell’1 o del 2 per cento rispetto allo scorso anno.

Il numero uno di Fiat Chrysler in America Latina ha fatto un bilancio di quella che è la situazione del gruppo nella regione

Questo grazie al buon andamento delle vendite in Brasile dove i marchi Jeep e Fiat stanno crescendo molto bene. Questo dovrebbe compensare la crisi di vendite che invece Fiat Chrysler sta subendo in Argentina. Questa situazione ovviamente si ripercuote anche a livello di produzione. Infatti gli stabilimenti in Brasile vanno a gonfie vele mentre quello di Cordoba in Argentina dovrebbe produrre quest’anno meno auto rispetto al 2018. L’obiettivo a lunga scadenza di Fiat Chrysler in America Latina secondo Filosa rimane quello di aumentare di molto le vendite entro il 2022 nel continente. Questo dovrebbe avvenire anche grazie ai numerosi nuovi modelli attesi nel continente da parte di Fiat e Jeep. Vedremo dunque se davvero questo obiettivo sarà centrato.

Leggi anche: FCA farà un grosso investimento a Windsor ma per il momento i licenziamenti sono confermati

Il numero uno di Fiat Chrysler in America Latina ha fatto un bilancio di quella che è la situazione del gruppo nella regione

Leggi anche: General Motors e Fiat Chrysler hanno acquistato certificati di CO2 da Tesla

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: