Fiat Chrysler: ecco cosa potrebbe cambiare nel Piano Italia

Il piano Italia di Fiat Chrysler sarà revisionato, ecco quali modelli saranno confermati e quali sono in dubbio

di , pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Lo scorso 30 novembre Mike Manley e Pietro Gorlier, rispettivamente numero uno di Fiat Chrysler nel mondo e in Europa, hanno rivelato il nuovo piano Italia del gruppo. Questo prevedeva l’inizio della produzione di una serie di nuovi modelli nel nostro paese nei prossimi 3 anni. Questo piano però in seguito all’introduzione da parte del governo dell’ecobonus è stato sottoposto ad una revisione.

Al momento non è stato però ancora rivelato cosa cambierà esattamente. Tuttavia nel corso degli ultimi giorni sono stati fatti una serie di annunci che hanno lasciato intendere cosa possa essere confermato e cosa no.

Ecco come cambia il piano Italia di Fiat Chrysler

Innanzi tutto Fiat Chrysler ha confermato l’inizio della produzione di Fiat 500 elettrica. Il modello però ha subito un taglio al target di produzione che è stato portato a non più di 50 mila unità l’anno. Questo a causa dei costi di produzione più elevati del previsto. Altri due modelli confermati sono Jeep Renegade e Compass ibride. Le due auto che verranno prodotte a Melfi saranno presentate in anteprima al Salone dell’auto di Ginevra il prossimo 5 marzo. Altra conferma probabile anche per l’Alfa Romeo C-Suv. Il modello che verrà prodotto a Pomigliano potrebbe essere presentato in versione concept car al Salone dell’auto di Ginevra 2019. 

Un modello che inizialmente non era compreso nel piano Italia di Fiat Chrysler ma di cui si sta iniziando a parlare negli ultimi giorni è Maserati Alfieri. La sportiva del tridente verrà prodotta a Modena dal 2020 anche in versione elettrica. Per il momento invece non si sta più parlando del suv compatto di Maserati e di Fiat Panda ibrida. Potrebbero essere dunque questi i modelli ad essere posticipati rispetto ai piani iniziali. Si attendono però maggiori conferme in merito.

Leggi anche: Fiat 500 elettrica: taglio del target di produzione per problemi con i fornitori

Fiat Chrysler

Leggi anche: Fiat Chrysler entro giugno potrebbe acquistare la Sauber e trasformarla in Alfa Romeo

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: