Fiat Chrysler e Renault: le ultime novità sulla possibile fusione

Secondo il Sole 24 Ore, un accordo tra Fiat Chrysler e Renault potrebbe essere nuovamente sul tavolo

di , pubblicato il
Fiat Chrysler e Renault

Secondo il Sole 24 Ore, un accordo tra Fiat Chrysler e Renault potrebbe essere nuovamente sul tavolo. I colloqui si sono ufficialmente interrotti a giugno quando FCA ha attribuito la colpa al governo francese – il maggiore azionista della Renault con il 15% – per aver impedito che l’affare si concretizzasse, portando alla creazione del terzo più grande costruttore automobilistico del mondo. All’epoca Fiat Chrysler ha dichiarato: “È diventato chiaro che le condizioni politiche in Francia non esistono attualmente affinché una tale combinazione proceda con successo”.

Secondo il Sole 24 Ore, un accordo tra Fiat Chrysler e Renault potrebbe essere nuovamente sul tavolo

Secondo quanto riferito, il consiglio di amministrazione della Renault era pronto ad approvare l’accordo il 5 giugno, ma non è stato in grado di procedere dopo che il governo francese ha chiesto alla società di rinviare il voto a una riunione successiva del consiglio. Resta inteso che lo stato francese stava cercando di ritardare la decisione mentre cercava di ottenere il sostegno del partner dell’alleanza giapponese di Renault, Nissan Motor Co. 

L’ analista di CMC Markets , David Madden, ha dichiarato: “Il settore automobilistico è sotto pressione a causa del rallentamento della Cina, delle tensioni commerciali globali e la possibilità di uno spazio commerciale tra Stati Uniti e UE incombe anche sul settore, quindi non sorprende che Fiat Chrysler e Renault stiano prendendo in considerazione la possibilità di collaborare per rafforzare la propria posizione per resistere alla tempesta”.

Leggi anche: FCA aggiorna alcuni Jeep Wrangler in Canada e negli Stati Uniti per correggere “rare” anomalie

 Secondo il Sole 24 Ore, un accordo tra Fiat Chrysler e Renault potrebbe essere nuovamente sul tavolo

Leggi anche: La nuova Fiat 500 elettrica guiderà il piano di rinnovamento del marchio italiano

Argomenti: