Fiat Chrysler e PSA: ufficiale la fusione

La fusione tra Fiat Chrysler e PSA è stata sancita ufficialmente nelle scorse ore

di , pubblicato il
FCA e PSA

La fusione tra Fiat Chrysler e PSA è stata sancita ufficialmente nelle scorse ore. Nasce così il quarto gruppo automobilistico al mondo. Il nuovo colosso avrà come amministratore delegato Carlos Tavares e come Presidente John Elkann. La nuova sede del gruppo sarà in Olanda. Il nuovo gruppo immatricola circa 9 milioni di auto l’anno e ha un fatturato di 170 miliardi di euro. Per completare tutte le operazioni relative alla fusione ci vorranno tra i 12 e i 15 mesi.

La fusione tra Fiat Chrysler e PSA è stata sancita ufficialmente nelle scorse ore

Grazie a questa fusione Fiat Chrysler e PSA risparmieranno ogni anno circa 3,7 miliardi di euro. Questi risparmi consentiranno al nuovo gruppo di investire maggiormente sulle nuove tecnologie e sulla mobilità del futuro per continuare così ad essere protagonisti nel mondo dei motori anche nei prossimi anni. Il nuovo CDA avrà 11 membri. Oltre all’amministratore delegato Carlos Tavares vi saranno 5 consiglieri di PSA e 5 di FCA. Per la prima volta entrano i consiglio due rappresentanti dei lavoratori uno per PSA e uno per Fiat Chrysler. Prima della fusione Fiat Chrysler Automobiles distribuirà ai propri azionisti un dividendo speciale di 5,5 miliardi di euro.

Adesso si spera nel rilancio di Alfa Romeo e Maserati

Ricordiamo che nelle scorse settimane da parte di Fiat Chrysler e PSA sono arrivate promesse nei confronti dei lavoratori, ai quali è stato detto che nessuno stabilimento sarebbe stato chiuso e nessun lavoratore licenziato. Il nuovo amministratore delegato Carlos Tavares ha promesso che nessun marchio sarà sacrificato, rispondendo a chi temeva la chiusura di qualche casa automobilistica come ad esempio Lancia. Si spera a questo punto che grazie a questa fusione possa avvenire il rilancio di qualche marchio che ultimamente ha vissuto un periodo di crisi. In particolare il riferimento va oltre che alla stessa Lancia anche ad Alfa Romeo e Maserati.

Argomenti: