Fiat Chrysler e PSA: Peugeot vuole aumentare la sua partecipazione

Jean-Philippe Peugeot ha dichiarato di voler aumentare la partecipazione della propria famiglia in PSA

di , pubblicato il
Peugeot

In vista della fusione tra Fiat Chrysler e PSA hanno fatto discutere ieri le parole di Jean-Philippe Peugeot esponente della nota famiglia francese che ha dichiarato di voler aumentare la partecipazione della propria famiglia in PSA che dopo la fusione con FCA verrebbe ridotta.

L’intenzione del capo della holding è quello di portare la partecipazione oltre l’attuale 6 per cento.

Jean-Philippe Peugeot ha dichiarato di voler aumentare la partecipazione della propria famiglia in PSA

La famiglia Peugeot prevede di esercitare la sua opzione per acquisire un ulteriore 2,5% il più presto possibile. Questo è ciò che ha detto questa domenica 12 gennaio in un’intervista esclusiva a L’Est Républicain. Quando il quotidiano regionale ha chiesto alla famiglia se la possibilità di acquisire questo 2,5% in più nei prossimi sette o otto anni costituisse per loro un “obiettivo principale”, Jean-Philippe Peugeot, CEO di Établissements Peugeot Frères ( EPF), ha risposto di si.

“Per ottenere questa possibilità, le trattative sono state complesse. Non è stato facile”, ha detto il rappresentante della holding che guida la famiglia Peugeot . “Non appena saremo sicuri che la fusione con Fiat Chrysler sarà completata, la mia famiglia darà segnali favorevoli”, ha aggiunto. Attualmente, Bpifrance, la famiglia Peugeot e il Dongfeng cinese sono azionisti con il 12,23% di PSA. Dopo la fusione 50/50, la loro partecipazione verrà ridotta della metà.

Leggi anche: La fusione con PSA consentirà a FCA di lanciare più rapidamente nuovi modelli

FCA e PSA

FCA e PSA: la famiglia Peugeot è intenzionata ad aumentare la sua partecipazione in PSA nei prossimi anni

Leggi anche: Fiat Chrysler: gli stabilimenti di Windsor e Belvidere resteranno inattivi per due settimane

Argomenti: ,