Fiat Chrysler e PSA non elimineranno marchi in caso di fusione

Non verrà eliminato nessun marchio in caso di fusione tra Fiat Chrysler e PSA

di , pubblicato il
Fiat Chrysler e PSA

Interessanti dichiarazioni del numero uno di PSA, Carlos Tavares. L’amministratore delegato del gruppo transalpino che a breve potrebbe annunciare la fusione con Fiat Chrysler, ha dichiarato che nessuno dei marchi presenti nelle gamme dei due gruppi verrebbe eliminato in caso di fusione. In questa maniera Tavares ha voluto mettere a tacere le voci secondo cui il nascente gruppo avrebbe dato una sfoltita ai brand presenti attualmente nelle due società. Il CEO di PSA ha ammesso che l’obiettivo è quello di ridurre i costi due  gruppi ma ciò avverrà con il passare del tempo senza troppi stravolgimenti improvvisi.

Non verrà eliminato nessun marchio in caso di fusione tra Fiat Chrysler e PSA

Ricordiamo che la fusione tra Fiat Chrysler e PSA produrrà la quarta casa automobilistica per numero di vendite al mondo con ben con 8,7 milioni di vendite annue di veicoli. Inoltre le società sperano di ridurre i costi di almeno 3,7 miliardi di euro l’anno. Tavares ha pure detto che prima di poter ratificare l’accordo di fusione sarà necessaria l’autorizzazione delle autorità europee. Senza questa infatti non sarà possibile chiudere l’affare ufficialmente e dunque sarà necessario attendere almeno un anno. L’accordo di fusione finale però a quanto pare potrebbe venire firmato all’inizio del prossimo mese, secondo alcune indiscrezioni provenienti da fonti interne alle due società.

Leggi anche: Il piano di fusione FCA-PSA è stato aiutato dai legami tra le famiglie Agnelli e Peugeot

Fiat Chrysler e PSA

Fiat Chrysler e PSA: nessun marchio dei due gruppi sarà eliminato in caso di fusione, lo ha promesso Carlos Tavares futuro CEO del nascente gruppo

Leggi anche: Fiat smetterà di vendere citycar in favore di auto di segmento B

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.