Fiat Chrysler e Ferrari rinnovano i contratti di lavoro per i lavoratori in Italia

Il gruppo italo americano e la società di Maranello rinnovano il contratto di lavoro collettivo in Italia

di , pubblicato il
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler ha raggiunto un accordo con i sindacati per rinnovare il contratto per 66.000 lavoratori in Italia. Lo ha rivelato nelle scorse ore lo stesso produttore italo americano attraverso un comunicato. L’accordo, che durerà fino al 2022, include un aumento del salario del 2% all’anno e un rafforzamento del bonus basato sulle prestazioni annuali legato al raggiungimento degli obiettivi di produttività ed efficienza.

Il gruppo italo americano e la società di Maranello rinnovano il contratto di lavoro collettivo in Italia

Fiat Chrysler Automobiles ha detto che a novembre spenderà più di 5 miliardi di euro per la produzione di nuovi modelli e motori in Italia nei prossimi tre anni per cercare di utilizzare meglio le fabbriche e aumentare i posti di lavoro e i margini di guadagno. In una nota a parte, il gruppo di lusso Ferrari ha dichiarato di aver anche firmato un accordo con i sindacati per rinnovare il contratto per tutti i lavoratori in Italia fino al 2022. Pietro Gorlier, responsabile area EMEA di FCA, ha commentato la notizia affermando che si tratta di un accordo con il quale il gruppo rafforza il suo legame con il nostro paese. Anche i sindacati hanno manifestato la propria soddisfazione per l’accordo raggiunto.

Leggi anche: Fiat Chrysler tranquillizza dipendenti e sindacati sugli effetti del passaggio all’ibrido

FCA

Fiat Chrysler e Ferrari hanno firmato il nuovo contratto di lavoro collettivo con i sindacati in Italia che prevede un aumento del 2 per cento annuo e vale fino al 2022

Leggi anche: Fiat Punto addio: nei giorni scorsi prodotto l’ultimo esemplare, i lavoratori di FCA immortalano l’evento

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: