Fiat Chrysler dividendo da 2 miliardi di euro per gli azionisti grazie alla cessione di Magneti Marelli

Fiat Chrysler: 2 miliardi di euro per gli azionisti grazie alla cessione di Magneti Marelli.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

I profitti di Fiat Chrysler hanno superato le aspettative grazie agli ottimi risultati dei marchi Jeep e Ram in Nord America. Il gruppo italo americano ha registrato un calo del 38% degli utili netti nel terzo trimestre a 564 milioni di euro, a causa di un accantonamento di 700 milioni di euro per eventuali ammende e sanzioni relative alle accuse di imbrogli sulle emissioni diesel in Nord America. Con la tassa eliminata, i profitti sono aumentati del 51% a 1,4 miliardi di euro. Le azioni quotate italiane sono diminuite dell’1%. I profitti del suo braccio nordamericano sono saliti del 51% a 1,9 miliardi di euro, un record, con un aumento del 10,2% delle vendite di nuovi veicoli Jeep e Ram.

Fiat Chrysler: 2 miliardi di euro per gli azionisti grazie alla cessione di Magneti Marelli

In Europa la società ha registrato una perdita di 25 milioni di euro, contro l’ utile di 127 milioni di euro registrato un anno prima. Ciò è avvenuto a causa di ritardi nelle vendite dal nuovo regime di test che richiede la ricertificazione di tutti i modelli prima della vendita. I regolamenti noti come WLTP, hanno causato il caos in tutta Europa, con diversi attori importanti come VW e Daimler che non sono riusciti a sistemare tutti i loro veicoli nel mese di settembre, quando sono arrivate le nuove regole.

Nella regione Asia/Pacifico, Fiat Chrysler ha registrato una perdita di 96 milioni di euro rispetto a un utile di 109 milioni di euro nello stesso trimestre dell’anno precedente, a causa del rallentamento delle vendite in Cina. Fiat Chrysler si è anche impegnata a pagare dividendi per la prima volta nella sua storia aziendale. Il gruppo, formato dalla fusione della Chrysler allora fallita con Fiat nel 2009, istituirà dividendi ordinari agli azionisti il ​​prossimo anno. Il gruppo ha dichiarato di avere 200 milioni di debito industriale alla fine del trimestre, dopo aver pagato 600 milioni di euro al fondo pensionistico statunitense durante il trimestre. La società, che ha raggiunto un accordo per vendere il produttore di componenti Magneti Marelli a un produttore di componenti rivali di proprietà di KKR per 6,2 miliardi di euro, restituirà 2 miliardi di euro agli azionisti attraverso un dividendo una tantum.

Leggi anche: Fiat Punto addio: nei giorni scorsi prodotto l’ultimo esemplare, i lavoratori di FCA immortalano l’evento

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Jeep e Maserati: tante promesse mancate nel piano industriale 2014/2018 di FCA

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler