Fiat Chrysler, il Dipartimento di Giustizia americano si prepara a fare causa?

Fiat Chrysler: nuovi guai potrebbero presto arrivare dagli Stati Uniti, una fonte anonima annuncia che una causa contro FCA sarebbe imminente

di Andrea Senatore, pubblicato il
FCA

Il Dipartimento di Giustizia americano sarebbe pronto a citare in giudizio il gruppo italo americano Fiat Chrysler a causa dello scandalo emissioni che avrebbe coinvolto alcuni veicoli della società del CEO Sergio Marchionne negli USA. Questo avverrà nel caso in cui i colloqui tra le parti non riescano a risolvere le divergenze sulle presunte violazioni della casa automobilistica negli Stati Uniti con i suoi veicoli diesel, così come rivelano due persone informate sulla questione.

 

Fiat Chrysler:  il Dipartimento di Giustizia americano potrebbe citare in giudizio il gruppo

 

Una causa potrebbe essere presentata già entro questa settimana, ha detto la fonte, che ha chiesto di non essere identificata, trattandosi di una questione riservata. I negoziati sono ancora in corso e le parti potrebbero anche raggiungere un accordo per evitare controversie prolungate. Il mancato accordo invece segnerebbe un’escalation che porterebbe ad un’indagine lunga mesi da parte del governo degli Stati Uniti e potrebbe esporre la casa automobilistica a penali rilevanti.

 

L’accusa sostiene che la società ha utilizzato impianti di manipolazione illegali, secondo la fonte. Tali dispositivi, impropriamente riuscirebbero a neutralizzare i controlli anti inquinamento. Volkswagen ha ammesso nel 2015 di utilizzare dispositivi di manipolazione che servivano a raggirare i controlli sulle emissioni per superare le prove. Fiat Chrysler è fermamente convinta che i suoi controlli non siano stati progettati per ingannare le prove di emissione come ha ammesso Volkswagen. Gli investigatori hanno detto che i responsabili di Fiat Chrysler non sono stati in grado di spiegare però lo scopo del dispositivo incriminato.

 

Leggi anche: Fiat Chrysler e Snam: obiettivo raddoppiare i distributori di metano entro il 2025

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles

 

Leggi anche: Auto: in Italia mercato in calo ad aprile 2017, male anche Fiat Chrysler

 

“FCA Stati Uniti dovrà difendersi con vigore, in particolare contro eventuali pretese secondo cui la società ha deliberatamente installato impianti di manipolazione per barare sulle prove di emissione”, ha detto Fiat Chrysler in un comunicato inviato via email. “La società ritiene che qualsiasi controversia sarebbe controproducente per le discussioni in corso con la US Environmental Protection Agency e il California Air Resources Board.” Infine ricordiamo anche che nelle scorse ore a proposito di Fiat Chrysler, è  stato ufficializzato il dieselgate in Europa. La Commissione Europea ha avviato infatti una procedura d’infrazione contro l’Italia.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler