Fiat Chrysler: crescono di molto le vendite in Brasile

Fiat Chrysler in Brasile nel 2019 è riuscita ad aumentare le sue vendite del 14,5%, con un totale di 496,7 mila immatricolazioni

di , pubblicato il
Fiat Chrysler in Brasile nel 2019 è riuscita ad aumentare le sue vendite del 14,5%, con un totale di 496,7 mila immatricolazioni

Nel 2019 il mercato automobilistico e commerciale brasiliano è cresciuto in media del 7,6%. Le cose però sono andate ancora meglio per Fiat Chrysler Automobiles, che è riuscita ad aumentare le sue vendite del 14,5%, con un totale di 496,7 mila immatricolazioni nel 2019. Considerando tutto i suoi marchi, in particolare Fiat e Jeep, hanno registrato una quota del 18,7%, in aumento di 1,2 punti percentuali rispetto al 2018.

Fiat Chrysler in Brasile nel 2019 è riuscita ad aumentare le sue vendite del 14,5%, con un totale di 496,7 mila immatricolazioni

Dei dieci modelli più venduti nel paese, tre sono di FCA, due di Fiat: Argo (79.004 unità) e Strada (76.275 unità). L’altro invece è di Jeep: Renegade, con 68.736 immatricolazioni. Secondo la società, i suoi due marchi principali sono cresciuti al di sopra del tasso medio di espansione del mercato.

Le vendite di Fiat sono state 366.012, in crescita del 12,4% rispetto al volume del 2018. L’espansione è stata del 21,1% per Jeep, con 129.483 consegne. La prima ha chiuso l’anno con una quota di mercato del 13,8%, avanzando di 0,6 punti percentuali e Jeep ha raggiunto il 4,9%, con un aumento di 0,6 punti percentuali.

“Questo è stato un anno di svolta e avanzamento per Fiat, con una crescita importante delle vendite totali”, afferma Herlander Zola, direttore del marchio Fiat per l’America Latina e Fiat Brasil Commercial. “Il risultato positivo deriva da una strategia di posizionamento dei nostri prodotti in più segmenti e importanti lanci che hanno suscitato l’interesse dei consumatori, tra cui Argo Trekking, Cronos HGT, S Design Line, Toro Ultra e l’Argo Trekking con cambio automatico.

Leggi anche: Fiat Chrysler: i concessionari in USA affermano di essere stati costretti ad acquistare auto

Argomenti: