Fiat Chrysler: ecco cosa ha in serbo Sergio Marchionne per il futuro del gruppo

Fiat Chrysler: Sergio Marchionne non fa mistero di puntare su Jeep e Stati Uniti per migliorare i conti dei gruppo ma con un occhio all'innovazione

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler dopo gli ottimi risultati del primo trimestre del 2017 sembra vivere un ottimo momento di forma. Il numero uno del gruppo italo americano, l’amministratore delegato Sergio Marchionne ha detto molto chiaramente di voler puntare nel futuro prossimo della sua azienda sempre più sui Suv e sul mercato degli Stati Uniti, che viene considerato come un paese fondamentale per l’ulteriore sviluppo di FCA.

 

Fiat Chrysler: i progetti di Sergio Marchionne per il futuro

Nei prossimi anni sempre più spazio verrà dato a Suv e crossover in Fiat Chrysler come del resto si è compreso con le ultime mosse che hanno visto per protagoniste Maserati e Alfa Romeo che per il loro rilancio puntano forte su questo tipo di veicolo, ma ovviamente un ruolo fondamentale avranno brand come Jeep e Ram che su Suv e Pick Up hanno fondato la loro fortuna. Di recente Sergio Marchionne ha detto di non escludere un loro scorporo da Fiat Chrysler al pari di quanto avvenuto con Ferrari, ovviamente si tratta di un qualcosa che per il momento non trova comunque riscontri ufficiali.

 

Di questo se ne riparlerà più avanti. Ma Sergio Marchionne comunque non pensa solo ai Suv. Il numero uno di FCA è particolarmente attento anche a tutto quello che riguarda l’innovazione. Ad esempio per quanto concerne le auto a guida autonoma si punta forte sull’alleanza con Google che potrebbe consentire al gruppo italo americano di ridurre in questo settore il gap accumulato negli scorsi anni rispetto alle rivali.

 

Leggi anche: Fiat 500L: interessante promozione a maggio 2017

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles

 

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat e Maserati: le principali novità della prima settimana di maggio 2017

 

Anche per quanto riguarda l’elettrico e l’ibrido, sebbene Marchionne abbia spesso fatto dichiarazioni un po’ contraddittorie, il suo gruppo è meno indietro di quanto si possa pensare, come dimostra l’arrivo sul mercato di recente una Chrysler Pacifica ibrida, dotata di una tecnologia che molto presto potrebbe essere adottata per numerosi altri modelli dei brand del gruppo. Ovviamente tutto sempre nel rispetto del risanamento dell’azienda. Il CEO infatti vuole lasciare alla fine del 2018 la guida di FCA risanando gran parte del debito che grava sulla sua azienda.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler