Fiat Chrysler Cassino: preoccupazione per il destino di 850 lavoratori interinali

Fiat Chrysler Cassino: preoccupazione anche nrl mondo politico per il destino dei circa 850 lavoratori interinali assunti 6 mesi fa'

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler Cassino

Anche i Consiglieri regionali di Insieme per il Lazio hanno dichiarato di essere preoccupati per il destino degli 850 lavoratori interinali dello stabilimento Fiat Chrysler Cassino che da qualche giorno sono rimasti a casa a causa della conclusione del loro contratto della durata di 6 mesi. Sul destino di questi lavoratori al momento vige il silenzio più assoluto da parte di Fiat Chrysler Automobiles. Dunque questo fa presagire che per i dipendenti non si prospetterebbe una stabilizzazione ma che invece sia ormai probabile un procedimento di fine rapporto di lavoro.

 

Fiat Chrysler Cassino: cresce la preoccupazione per il destino di circa 850 lavoratori interinali

 

Secondo i consiglieri regionali di Insieme per il Lazio, la loro mancata conferma sarebbe un grosso danno anche per l’indotto in una Regione come il Lazio dove in questo momento storico la situazione lavorativa è assai precaria. I consiglieri chiedono ai responsabili dello stabilimento Fiat Chrysler Cassino di fare luce sul futuro della fabbrica e sul destino dei lavoratori mediante un incontro da cui possa scaturire un vero e proprio confronto tra i vertici del gruppo italo americano, le organizzazioni sindacali e le Istituzioni.

 

Vedremo se Fiat Chrysler risponderà a questa richiesta che arriva direttamente dal mondo politico o se il silenzio del gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne sul futuro dello stabilimento continuerà ancora. Ricordiamo che nel 2016 il numero uno di FCA durante la visita allo stabilimento dell’allora Premier Matteo Renzi aveva parlato di piena occupazione per Cassino già entro la fine del 2018. Nella fabbrica vengono prodotte le recenti Alfa Romeo Giulia e Stelvio, la cui produzione si sarebbe ridotta del 10 per cento negli ultimi giorni a causa del calo delle vendite in Cina.

 

Leggi anche: Fiat Chrysler Melfi: la richiesta di suv riparte, cancellati i fermi produttivi del 12 e 26 novembre

 

Fiat Chrysler Cassino

Fiat Chrysler Cassino: preoccupazione anche nel mondo politico per il destino dei circa 850 lavoratori interinali assunti 6 mesi fa e che molto probabilmente non verranno riconfermati

 

Leggi anche: Fiat Chrysler Argentina: il CEO protagonista di un brutto incidente in pista, ecco il video

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler

I commenti sono chiusi.