Fiat Chrysler: anche a Termoli c’è preoccupazione, ridotti i turni

Fiat Chrysler: anche a Termoli cresce la preoccupazione per la riduzione dei turni dovuta al calo delle vendite.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Cresce la preoccupazione negli stabilimenti di Fiat Chrysler Automobiles in Italia. Dopo che nei giorni scorsi la Fiom di Torino ha lanciato l’allarme sulla situazione delle fabbriche del gruppo italo americano in Piemonte, un nuovo allarme arriva da Termoli. Lo storico stabilimento sta infatti assistendo ad una riduzione dei turni di produzione per far fronte al calo delle vendite delle auto di FCA, che viene considerato dagli esperti come un qualcosa di fisiologico dopo la grande crescita degli scorsi anni.

Fiat Chrysler: anche a Termoli cresce la preoccupazione per la riduzione dei turni dovuta al calo delle vendite

La riduzione dei turni nello stabilimento Fiat Chrysler di Termoli è stata dovuta principalmente alla diminuzione della produzione del cambio c520. Questa è stata dovuta dalla cessazione della produzione di Fiat Punto e della versione diesel di Fiat Panda. Stessa sorte è toccata anche al reparto che si occupa della produzione del motore V6, quello che per intenderci viene utilizzato da Alfa Romeo Giulia e Stelvio. 

Preoccupazione da parte dei sindacati per il futuro in mancanza di novità importanti

Per questi reparti dunque è stato tolto un turno di lavoro. Il cambiamento nello stabilimento Fiat Chrysler di Termoli avverrà a partire dal prossimo 24 settembre. Francesco Guida, segretario provinciale della Uilm ha manifestato preoccupazione per questa riduzione dei turni decisa a Termoli da FCA. Si spera presto di avere notizie importanti che possano far nuovamente decollare la produzione nello storico stabilimento.

Leggi anche: Fiat Chrysler: alcuni azionisti vogliono fare causa per non essere stati informati della malattia di Marchionne

Fiat Chrysler Termoli

Fiat Chrysler Automobiles: anche nello stabilimento Termoli cresce la preoccupazione per la riduzione dei turni dovuta al calo delle vendite

Leggi anche: Fiat Chrysler: in Serbia e in Canada si chiedono cosa cambierà senza Sergio Marchionne

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler