Fiat Chrysler ad ottobre 2017 in Europa cresce meno del mercato

Fiat Chrysler Automobiles: il gruppo di Sergio Marchionne ad ottobre 2017 cresce meno del mercato nel suo insieme con appena +1,5% rispetto allo scorso anno

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

Il mese di ottobre 2017 per Fiat Chrysler Automobiles in Europa non è stato particolarmente brillante. Infatti il gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne ha visto crescere le proprie immatricolazioni rispetto allo stesso mese dello scorso anno di appena l’1,5 per cento.

 

Si tratta di una crescita inferiore a quella media del mercato che invece nello stesso mese ha visto crescere le proprie immatricolazioni in misura del 5,9 per cento. Per il mercato auto europeo dunque ottobre ha rappresentato un mese positivo che si contrappone allo scorso mese di settembre quando dopo 45 mesi consecutivi di crescita vi era stato un calo del 2 per cento. 

 

Fiat Chrysler: il gruppo di Sergio Marchionne ad ottobre 2017 cresce meno del mercato nel suo insieme con appena +1,5% rispetto allo scorso anno contro una crescita media del 5,9% del mercato

 

Secondo i dati ufficiali dell’organizzazione dei produttori europei di auto, ad ottobre 2017 sono state immatricolate in Europa 1,169 milioni di vetture. Considerando i primi 10 mesi dell’anno invece la crescita è del 3,9 per cento grazie a a 12,83 milioni di veicoli consegnati. Ad ottobre 2017 il paese in cui il mercato auto ha registrato il miglior risultato in Europa è la Spagna, che ha visto aumentare le immatricolazioni del 13,7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Tutti i paesi sono stati positivi tranne Regno Unito, Irlanda e Finlandia. 

 

Tornando a Fiat Chrysler Automobiles, il gruppo italo americano ad ottobre come detto è cresciuta di appena 1,5 per cento grazie a 76.292 veicoli. Se invece consideriamo i primi 10 mesi dell’anno alla la situazione migliora notevolmente per la società del numero uno Sergio Marchionne che  ha visto crescere le proprie immatricolazioni del 7,6 per cento grazie alla consegna di 907.760 unità. Per quanto concerne la quota di mercato dopo il mese di ottobre per FCA è scesa al 6,3 per cento dal 6,6 per cento del mese scorso. Guardando invece ai primi 10 mesi dell’anno questa è pari a 6,9 per cento. 

 

Ecco come sono andate le cose per i singoli brand: male Fiat, bene Alfa Romeo e Jeep

 

Sulla non indimenticabile performance di Fiat Chrysler ad ottobre 2017 ha pesato sicuramente il calo di Fiat. La principale casa automobilistica italiana infatti ha accusato un calo dell’1,2 per cento quando invece ad ottobre 2016 vi era stata una crescita del 5 per cento. Male anche Lancia Chrysler che crolla a -8,4 per cento.

 

Continuano a crescere bene invece Jeep e Alfa Romeo che vedono incrementare le proprie immatricolazioni rispettivamente del 20,4 e 20,3 per cento rispetto al 2016. Jeep ha immatricolato 5.400 unità a ottobre e quasi 62.200 in totale nei primi 10 mesi dell’anno. Molto bene Jeep Renegade che rimane nella top ten del proprio segmento e Compass.

 

Per quanto riguarda Alfa Romeo continua la crescita grazie alle recenti Alfa Romeo Stelvio e Giulia che nel 2017 hanno ottenuto rispettivamente 12.800 e 20.100 consegne. Alfa Romeo Giulia dunque ha visto crescere le proprie immatricolazioni di  ben il 200,9 per cento rispetto al 2016.

 

 

Leggi anche: Fiat Chrysler Melfi: la richiesta di suv riparte, cancellati i fermi produttivi del 12 e 26 novembre

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: il gruppo di Sergio Marchionne ad ottobre 2017 cresce meno del mercato nel suo insieme con appena +1,5% rispetto allo scorso anno

 

Leggi anche: Fiat Chrysler richiama alcuni modelli di Jeep e Dodge in USA per problemi di sicurezza

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler