Fiat Chrysler: il 40% dei lavoratori in Italia ha scelto il Bonus Welfare

Fiat Chrysler Automobiles: tra i dipendenti del gruppo italo americano solo il 40 per cento ha optato per il Bonus Welfare

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler Cassino

Il Bonus Welfare è stato scelto come opzione da circa il 40 per cento dei dipendenti del gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles in Italia.  Sono stati infatti 26.500 su 66.500 coloro i quali hanno optato per questa soluzione. Ricordiamo che questo bonus aveva un tetto massimo di 700 o 800 euro. I dipendenti del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno scelto questo Bonus in misura maggiore del 10 per cento rispetto alle medie relative alle altre aziende italiane coinvolte nell’iniziativa.

Fiat Chrysler Automobiles: il Bonus Welfare scelto dal 40% dei lavoratori

I lavoratori di Fiat Chrysler Automobiles che hanno optato per questa scelta si sono dovuti iscrivere in un apposito sito dove hanno potuto vedere tutti i servizi e i beni a disposizione per se e per la propria famiglia. Questi bonus che andavano dai viaggi ai buoni spesa, dagli sconti in palestra sino all’assistenza sanitaria hanno riscosso grande successo soprattutto tra gli operai che ne hanno usufruito nel 57 per cento dei casi. 

 

Chi invece ha deciso di non utilizzare questo Bonus Welfare ha avuto in busta paga 570 euro  al netto di tasse e trattenute varie. La Fiom parla di bassa adesione, solo negli ultimi giorni le percentuali sono aumentate e solo a causa della grande propaganda messa in moto da Fiat Chrysler Automobiles tra i suoi stessi dipendenti, secondo quanto rivelano i responsabili della Fiom.

Leggi anche: Fiat Tipo 2017: 34,271 unità vendute in Europa nel primo trimestre

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: il bonus Welfare in Italia scelto dal 40 per cento dei dipendenti

 

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Jeep e Abarth: a maggio 2017 cambio automatico in regalo

 

Questo sistema finisce per massimizzare i risparmi aziendali ma forse tra i dipendenti l’approccio sarebbe dovuto essere diverso secondo la Fiom, per la quale sarebbe stata necessaria maggiore informazione e meno propaganda per ottenere maggiori consensi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler