Fiat celebra i suoi 120 anni di storia al Salone dell’auto di Ginevra

A Ginevra Fiat festeggerà i suoi primi 120 anni di storia con la presentazione di una nuova famiglia di versioni speciali delle sue più famose vetture

di , pubblicato il
A Ginevra Fiat festeggerà i suoi primi 120 anni di storia con la presentazione di una nuova famiglia di versioni speciali delle sue più famose vetture

Fiat sarà presente al Salone dell’auto di Ginevra 2019, evento che si svolgerà in terra elvetica il mese prossimo. La principale casa automobilistica italiana vuole approfittare dell’importante kermesse per festeggiare degnamente i suoi 120 anni di storia. Proprio a Ginevra infatti il brand italiano di Fiat Chrysler Automobiles presenterà una nuova gamma di vetture nate per omaggiare l’importante anniversario. Ci riferiamo alla gamma “120°” che comprenderà: 500X “120°” 1.0 FireFly Turbo da 120 CV, 500 “120°” 0.9 Twin Air da 85 CV e 500L “120°” 1.3 Multijet da 95 CV.

A Ginevra Fiat festeggerà i suoi primi 120 anni di storia con la presentazione di una nuova gamma di auto speciali

Le auto di questa gamma avranno tutte una livrea bicolore Tuxedo (bianco e nero). Le vetture inoltre si contraddistingueranno dalle altre per la presenza di una moltitudine di sistemi tecnologici, tra cui il sistema Uconnect 7” HD Live touchscreen con support ad Apple Car Play e Android Auto. Questa della gamma speciale di vetture non sarà però l’unica novità per Fiat. Il brand di Torino approfitterà della manifestazione per presentare al mondo la nuova Panda Connected by Wind, una nuova serie speciale nata in collaborazione con Wind che permetterà ai clienti di avere a disposizione ben 50 GB di traffico al mese. 

Leggi anche: FCA Mirafiori: nel 2019 cassa integrazione di massa in attesa della 500 elettrica

A Ginevra Fiat festeggerà i suoi primi 120 anni di storia con la presentazione di una nuova famiglia di versioni speciali delle sue più famose vetture

Leggi anche: Lexus, Porsche e Toyota sono i marchi più affidabili secondo JD Power, male Fiat

Argomenti: