Fiat 500 elettrica: le ultime novità

Fiat 500 Elettrica: ecco cosa sappiamo fino ad ora sul nuovo modello che sarà prodotto dal prossimo anno

di , pubblicato il
Fiat 500 elettrica

Manca poco al debutto della nuova Fiat 500 elettrica. L’auto che sarà prodotta a Mirafiori dal prossimo anno sarà presentata al Salone dell’auto di Ginevra 2020 nel corso del prossimo mese di marzo. Sappiamo che Fiat Chrysler Automobiles spera di produrre almeno 80 mila unità all’anno della sua prima auto elettrica. Per quanto riguarda il prezzo di lancio, al momento non ci sono notizie ufficiali ma si presume che la vettura possa venire venduta ad un prezzo tra i 25 e i 30 mila euro.

Fiat 500 elettrica: ecco cosa sappiamo fino ad ora sul nuovo modello che sarà prodotto dal prossimo anno

Per quanto riguarda l’autonomia della Fiat 500 elettrica, al momento non vi sono notizie ufficiali. Tuttavia si pensa che un po’ nello stile del concept Fiat Centoventi anche questa vettura possa avere diversi livelli di autonomia in base alla grandezza della batteria. Ci sarà dunque un modello pensato esclusivamente per la guida in città e altri che invece saranno dotati di pacchi batterie più grandi e che dunque saranno utilizzabili anche per viaggi più lunghi. La versione con maggiore autonomia dovrebbe garantire 400/500 km con una ricarica completa.

Altra cosa quasi certa è che la nuova Fiat 500 elettrica crescerà in lunghezza rispetto alla versione ordinaria. Questo per offrire un po’ più di spazio all’interno e per poter garantire l’inserimento di una batteria più capiente. Per quanto riguarda il design non si tratterà di un qualcosa di rivoluzionario ma di un’evoluzione dell’attuale design di 500. Infine per quanto riguarda l’avvio delle vendite, questo dovrebbe avvenire nel corso della prossima estate.

Leggi anche: Fiat Chrysler dovrà pagare 40 milioni di dollari per i dati di vendita gonfiati

Fiat 500 Elettrica: ecco cosa sappiamo fino ad ora sul nuovo modello che sarà prodotto dal prossimo anno

Leggi anche: FCA aggiorna alcuni Jeep Wrangler in Canada e negli Stati Uniti per correggere “rare” anomalie

Argomenti: