Ferrari spera di “sorridere ancora” in Australia nonostante il COVID-19

A Melbourne Ferrari spera di regalare un sorriso agli italiani in questo difficile momento

di , pubblicato il
Ferrari

La Formula 1 tornerà questo fine settimana mentre la stagione 2020 inizia in Australia. L’inizio della stagione è stato caratterizzato dalla minaccia di Coronavirus poiché ciascuno dei primi quattro Gran Premi in programma è stato fortemente in dubbio. Il Grand Prix cinese è già stato rinviato. Una delle aree più colpite è l’Italia. Il team Ferrari , così come AlphaTauri, che risiede anche in Italia, ha ottenuto il permesso di viaggiare a Melbourne nonostante gran parte del paese fosse bloccato. Ciò ha causato problemi ai cittadini italiani.

A Melbourne Ferrari spera di regalare un sorriso agli italiani in questo difficile momento

Ma nel fine settimana, Mattia Binotto spera che Sebastian Vettel e Charles Leclerc possano sollevare gli spiriti italiani portando un’auto Ferrari sul gradino più alto del podio. “In quello che è un momento difficile per l’Italia e per il mondo nel suo insieme, come parte di uno sport globale, è nostro dovere cercare di mettere un sorriso sui volti delle persone mentre si preparano a guardare la prima gara della stagione con lo stesso senso di anticipazione come noi stessi “, ha detto Binotto.

“Dopo un lungo inverno di lavoro sulla costruzione e lo sviluppo della nostra auto, è giunto il momento di ottenere una prima indicazione del nostro livello di prestazioni e di quanto siano efficaci i miglioramenti che abbiamo introdotto negli ultimi mesi”, ha aggiunto. “Sappiamo che l’opposizione è forte, ma sappiamo anche che è l’inizio di una lunga stagione in cui il tasso di sviluppo, l’affidabilità e la nostra efficacia operativa saranno fondamentali. Ci stiamo preparando per affrontare tutte queste sfide come una squadra unita, consapevole dei progressi che devono essere realizzati e orgoglioso del supporto dei nostri fan in tutto il mondo “.

Leggi anche: Stabilimento Ferrari operativo nonostante le restrizioni per il coronavirus

Argomenti: ,