Ferrari e Intel: collaborazione triennale per portare l’intelligenza artificiale in pista

Ferrari e Intel annunciano una collaborazione di 3 anni per portare l'intelligenza artificiale in pista e migliorare così ulteriormente le performance.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Ferrari

Arriva una notizia interessante dagli Stati Uniti per Ferrari. In occasione del CES di Las Vegas il CEO di Intel Brian Krzanich ha annunciato una collaborazione triennale con la divisione americana della casa automobilistica del cavallino rampante. Questa porterà l’intelligenza artificiale al concorso Ferrari Challenge North America Series, uno dei tre campionati del marchio svolti in diverse regioni geografiche.

A partire dal 2018, le auto di Maranello useranno le tecnologie Intel per l’intelligenza artificiale, tra cui la piattaforma Intel Xeon e il NeonTM Framework. Queste tecnologie serviranno ad analizzare in tempo reale le performance dei piloti aiutando gli ingegneri ad effettuare le scelte migliori. Inoltre esse serviranno a migliorare l’esperienza di piloti e spettatori e illustrare il potenziale dell’intelligenza artificiale nel futuro degli sport motoristici.

Ferrari e Intel annunciano una collaborazione di 3 anni per portare l’intelligenza artificiale in pista

Con l’aiuto di videocamere montate su un drone utilizzate per catturare il metraggio della pista durante una sessione, la tecnologia Intel proietterà il suo occhio sul filmato in tempo reale, applicando modelli di identificazione degli oggetti per aiutare a leggere il traffico in arrivo, detriti di eventuali incidenti e taggare certe sezioni di video che potrebbero essere utili al team successivamente.

Per quanto riguarda gli spettatori, l’apprendimento automatico dovuto alla Intelligenza artificiale, li aiuterà a seguire con maggiore attenzione le evoluzioni di ogni pilota dipingendo un quadro molto più dettagliato di come la gara si sta esattamente svolgendo. Insomma si tratta sicuramente di una tecnologia molto utile che potrebbe finire in futuro per cambiare radicalmente tutti i motorsport. 

Leggi anche: Ferrari F16X: il Suv viene immaginato come un incrocio tra Alfa Romeo Stelvio e la 812 Superfast Grand Tourer

Ferrari e Intel annunciano una collaborazione di 3 anni per portare l’intelligenza artificiale in pista e migliorare così ulteriormente le performance

Leggi anche: Ferrari Testarossa Spider: l’unico modello ‘ufficiale’ della storia viene messo all’asta

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ferrari, Tecnologia