Ferrari ammette che la rivalità tra Vettel e Leclerc è inevitabile

Mattia Binotto ritiene che qualsiasi rivalità tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc sia inevitabile

di , pubblicato il
Vettel e Leclerc

Il numero uno del team Ferrari, Mattia Binotto, ritiene che qualsiasi rivalità tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc sia inevitabile, ma in realtà la vede come un vantaggio poiché ha due piloti affamati di riuscire. Leclerc si è goduto la sua prima stagione di F1 con la Scuderia nel 2019 e ha rapidamente impressionato diventando altrettanto importante per la squadra come Vettel, che all’inizio della scorsa stagione veniva considerato il pilota numero uno della Ferrari. Gli ordini della squadra, le controversie tra la coppia e l’incidente al Gran Premio del Brasile hanno portato la coppia a essere rimproverata dalla direzione.

Mattia Binotto ritiene che qualsiasi rivalità tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc sia inevitabile

Tuttavia, Binotto pensa che, ora che i problemi del 2019 sono finiti, la coppia possa coesistere per la squadra, ma ammette che la rivalità è inevitabile. “Devi accettarlo perché è ovvio. Sono i migliori piloti e sono lì per fare del loro meglio e per vincere”, ha detto a Motorsport.com quando gli è stato chiesto se l’attrito fosse inevitabile. “Quindi ciò che è importante per me è che capiscono qual è l’obiettivo generale e capiscono di più sulla situazione generale in gara. Discutere alla radio non è mai il massimo, perché quando sei in macchina non hai il quadro completo, quindi è una questione di fiducia: fidarsi della squadra, anche se si commettono errori, poiché i piloti possono commetterli.

“Penso che si tratti solo di chiarezza e trasparenza prima della gara, chiarezza e trasparenza anche durante la stagione, e quindi dovremmo affrontare qualunque sia la situazione della gara insieme prima di discuterne”. Binotto dunque è dell’opinione che avere due piloti desiderosi di migliorarsi reciprocamente andrà a beneficio dell’intero team.

“Se guardo i due piloti al momento e come si comportano insieme, funziona molto bene”, ha detto il capo squadra.

“C’è un buon spirito, un buon punto di riferimento e in qualifica, quando Charles è deluso di essere dietro Seb, è buono e positivo. Ma tra i due, dopo tutto le polemiche che potremmo aver letto sul giornale sulla comunicazione radio, questo è un punto che non è affatto un problema. In realtà è l’opposto.”

Leggi anche: Binotto: i rivali ci hanno accusato di frode “per metterci sotto pressione”

Argomenti: