Ferrari e Alfa Romeo: ecco il piano di Sergio Marchionne per la Formula 1

Nei piani di Sergio Marchionne Alfa Romeo potrebbe tornare in Formula 1 come team satellite di Ferrari grazie all'imminente accordo con Sauber.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Sergio Marchionne Ferrari

Sergio Marchionne vorrebbe affiancare in Formula 1 già a partire dai prossimi anni Alfa Romeo a Ferrari. Proprio per questo motivo continuano le trattative con Sauber che dal prossimo anno potrebbe avere motori marchiati Alfa Romeo. Qualcuno ipotizza che questo possa essere solo il primo passo verso una scuderia che in futuro potrebbe prendere il nome di Alfa Romeo e diventare un team”satellite” di Ferrari dove fare crescere i piloti del futuro. Non a caso si vocifera che Charles Leclerc, giovane e talentuoso pilota monegasco di proprietà del cavallino rampante, possa l’anno prossimo essere uno dei due piloti del team Sauber.

Nei piani di Sergio Marchionne Alfa Romeo potrebbe tornare in Formula 1 come team satellite di Ferrari grazie all’imminente accordo con Sauber

Altro pilota in orbita Ferrari che potrebbe interessare a Sauber e Antonio Giovinazzi. Secondo indiscrezioni Sergio Marchionne avrebbe intenzione di sostituire nel 2019 Kimi Raikkonen il cui contratto scade alla fine del 2018 proprio con Leclerc dopo un anno di apprendistato nel team elvetico. Vedremo dunque come andrà a finire questa trattativa che potrebbe riportare dopo moltissimo tempo in Formula 1 un marchio importante come Alfa Romeo che ha corso in F1 oltre 250 Gran Premi nella sua storia conquistando anche il primo mondiale in assoluto con Nino Farina. 

Leclerc nei piani di Sergio Marchionne potrebbe essere il futuro rifale di Vesrtappen e Ocon

Leclerc che ha dominato in F2 e che potrebbe essere in futuro il rivale di Verstappen ed Ocon sostituendo Kimi Raikkonen come pilota della scuderia del cavallino rampante. Ricordiamo inoltre che la trattativa conm Sauber per Alfa Romeo la sta conducendo personalmente il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Per molti questa è una garanzia che qualcosa di importante accadrà.

 

Quello che è sicuro è che Sergio Marchionne con questa trattativa punta a raggiungere diversi obiettivi. Si tratta del resto di un modus operandi tipico dell’attuale numero uno di Fiat Chrysler Automobiles che nella primavera del 2019 lascerà il suo posto di CEO di FCA rimanendo però Presidente di Ferrari. Già nei prossimi giorni è possibile che questa vicenda possa riservare importanti novità con la conclusione della trattativa con Sauber che sarebbe ormai vicina.

 

Il ritorno di alfa Romeo in F1 non sarebbe una mera operazione di facciata

 

Quello che molti pensano è che il ritorno in Formula 1 di Alfa Romeo non sarà una semplice operazione di facciata ma qualcosa di ben più sostanzioso. C’è chi vocifera ad esempio che nelle intenzioni dell’amministratore delegato vi sia quella di trasformare Sauber in una scuderia Alfa Romeo dotandola di tecnici e provenienti da Ferrari, che metterebbe così a disposizione del team amico le sue conoscenze nel settore. Vi aggiorneremo non appena arriveranno conferme importanti su questa trattativa che potrebbe portare grosse novità per l’Italia in Formula 1.

 

Leggi anche: Ferrari 812 Superfast: avvistato misterioso esemplare mimetizzato a New York

 

Alfa Romeo F1

Nei piani di Sergio Marchionne Alfa Romeo potrebbe tornare in Formula 1 come team satellite di Ferrari grazie all’imminente accordo con Sauber in cui rientrerebbero i piloti Leclerc e Giovinazzi

 

Leggi anche: Formula 1: secondo Bernie Ecclestone la possibilità di un addio di Ferrari è reale

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo, Ferrari, Formula 1