Fernando Alonso correrà nel 2020 la Dakar con Toyota

Toyota Gazoo Racing ha annunciato per il 2020 Dakar Rally, la presenza del due volte campione del mondo di F1 Fernando Alonso

di , pubblicato il
Fernando Alonso Formula 1

Toyota Gazoo Racing ha annunciato per il 2020 Dakar Rally, la presenza del due volte campione del mondo di F1 Fernando Alonso. Alonso farà squadra con il navigatore Marc Coma. Il team di lavoro della Toyota composto da altri tre equipaggi: Nasser Al-Attiyah e il navigatore Mathieu Baumel, Giniel de Villiers e navigatore Alex Haro, Bernhard Ten Brinke e navigatore Tom Colsoul.

Toyota Gazoo Racing ha annunciato per il 2020 Dakar Rally la presenza di Fernando Alonso

Nasser e Mathieu vogliono difendere il loro titolo al Dakar Rally, con il duo che ha al suo attivo più Coppe del mondo FIA per i campionati di cross country e le vittorie della Dakar. Giniel è un altro pilota esperto, dopo aver vinto il Dakar Rally del 2009 e il Rally del Marocco, quest’ultimo quattro volte. Berhard è anche un ex vincitore del Marocco e ha partecipato a numerosi eventi di rally nel corso degli anni.

L’ambizione di Fernando Alonso di provare diverse categorie di sport motoristici lo ha portato al Dakar Rally, affiancato da Marc Coma, che ha vinto sei campionati mondiali FIM Cross Country e cinque vittorie nel Dakar Rally nella categoria bici. Tutti e quattro gli equipaggi si sfideranno con l’ ultima versione di rally raid della Toyota Hilux , che è stata sviluppata e costruita in Sudafrica. Nel suo debutto al Dakar Rally nel 2018, l’Hilux ha concluso al secondo e terzo posto prima di conquistare la vittoria assoluta l’anno successivo.

La Dakar 2020 si svolgerà per la prima volta in Arabia Saudita nella sua storia. Inizierà il 5 gennaio a Jeddah, con la rotta in direzione nord prima di svoltare a sud-est verso la capitale di Riyadh. La seconda parte della gara attraverserà Rub ‘al Khali, il più grande deserto di sabbia continua del mondo, noto anche come “Quartiere vuoto”, prima di finire ad Al-Qiddiya il 17 gennaio.

Leggi anche: Formula 1: senza Honda Alonso si aspetta miglioramenti per la sua McLaren nel 2018

Argomenti: