Dyson rinuncia al progetto di un’auto elettrica

Dyson ha annunciato che sta chiudendo il suo piano multimiliardario per il lancio di una nuova auto elettrica

di , pubblicato il
Dyson

Dyson ha annunciato che sta chiudendo il suo piano multimiliardario per il lancio di una nuova auto elettrica dopo essere giunti alla conclusione che non è “commercialmente praticabile”. A partire dal 2016, si diceva che Dyson stesse lavorando sul proprio veicolo elettrico. Le voci si sono intensificate quando la società ha acquisito Sakti3, una startup di batterie a stato solido con sede nel Michigan, per $ 90 milioni e ha annunciato l’intenzione di costruire un’importante fabbrica di batterie da $ 1 miliardo per produrre in serie la tecnologia delle batterie di prossima generazione.

La società ha successivamente confermato i piani in un’e-mail ai dipendenti. Dyson ha confermato che stava investendo £ 2 miliardi per portare sul mercato i suoi veicoli elettrici. All’inizio di quest’anno, abbiamo appreso che stavano pianificando di produrre 3 veicoli completamente elettrici. Alla fine si sono allontanati dalle batterie a stato solido, ma sono andati avanti con piani per la produzione di veicoli elettrici.

Dyson ha iniziato a convertire un campo d’aviazione in un centro di ricerca e sviluppo di auto elettriche con una pista di prova di grandi dimensioni nel Regno Unito, ma alla fine hanno annunciato piani per portare la produzione di veicoli elettrici a Singapore. Avevano oltre 600 dipendenti che lavoravano su veicoli elettrici e hanno presentato numerosi brevetti per la loro tecnologia. Ora però hanno deciso di chiudere il progetto. Secondo quanto riferito, hanno cercato di vendere la divisione, ma non sono riusciti a trovare un acquirente.

James Dyson ha fatto l’annuncio in una e-mail ai dipendenti oggi: “Il team automobilistico Dyson ha sviluppato un’auto fantastica: sono stati ingegnosi nel loro approccio pur rimanendo fedeli alle nostre filosofie.

Tuttavia, sebbene ci siamo impegnati molto nel processo di sviluppo, semplicemente non riusciamo più a vedere un modo per renderlo commercialmente fattibile. ” Il fondatore dell’azienda ha dichiarato che cercheranno di trovare altre posizioni all’interno dell’azienda per i dipendenti coinvolti nel progetto EV.

La chiusura di questo progetto non rappresenta la fine dell’investimento. Dyson continuerà il suo programma di investimenti da 2,5 miliardi di sterline in nuove tecnologie. Oltre a proseguire l’espansione a Malmesbury, Hullavington, Singapore e in altre località globali, l’azienda si concentrerà anche sul compito di produrre batterie a stato solido e altre tecnologie fondamentali.

James Dyson in persona ha comunicato via mail a tutti i dipendenti, sottolineando come “Questo non è un fallimento del prodotto, o un fallimento del team, per il quale questa notizia sarà difficile da ascoltare e digerire. I loro risultati sono stati immensi, data l’enormità e la complessità del progetto. Stiamo lavorando per trovare rapidamente ruoli alternativi all’interno di Dyson per il maggior numero possibile di team e abbiamo posti vacanti sufficienti per assorbire la maggior parte delle persone nel nostro Home business. Per coloro che non possono o non desiderano trovare ruoli alternativi, li sosterremo in modo equo e con il dovuto rispetto”.

Leggi anche: Sono Motors riceve 10.000 ordini per il suo primo veicolo elettrico a pannelli solari

Argomenti: