Dodge Viper: numerose unità richiamate per un grave problema

Numerose unità di Dodge Viper sono state richiamate negli Stati Uniti nelle scorse ore a causa di un grave problema

di , pubblicato il
Numerose unità di Dodge Viper sono state richiamate negli Stati Uniti nelle scorse ore a causa di un grave problema

Numerose unità di Dodge Viper sono state richiamate negli Stati Uniti nelle scorse ore a causa di un grave problema. National Highway Traffic Safety Administration statunitense (NHTSA)  ha fatto sapere che FCA dovrà controllare circa 3 mila unità del suo iconico modello, prodotte tra il 2005 e il 2006 a causa di un difetto al suo airbag. Questi infatti potrebbero esplodere all’improvviso causando seri danni e conducente e passeggeri. FCA si è accorta del problema a 15 anni dalla produzione dei circa 3200 veicoli.

Numerose unità di Dodge Viper sono state richiamate negli Stati Uniti nelle scorse ore a causa di un grave problema

Il problema che ha colpito questi oltre 3200 esemplari di Dodge Viper riguarda un modulo di controllo che gestisce gli airbag e/o i pretensionatori delle cinture di sicurezza dell’auto che a quanto pare non funziona come dovrebbe e che dunque potrebbe provocare lesioni o anche la morte dei passeggeri. I proprietari dei veicoli coinvolti saranno informati entro il 31 dicembre del 2020 da Fiat Chrysler Automobiles.

Non sappiamo se ci sono stati incidenti o feriti causati da questo problema. Vi aggiorneremo naturalmente qualora dovessero arrivare nuove informazioni su questo richiamo relativo a Dodge Viper. Ricordiamo infine che il modello in questione non viene più prodotto da Fiat Chrysler Automobiles dal mese di agosto del 2017.

Leggi anche: Dodge entra per la prima volta in top ten nel sondaggio sull’affidabilità di Consumer Reports

Nuova Dodge Viper

Nuova Dodge Viper: richiamo per oltre 3200 esemplari negli Stati Uniti a causa di un grave malfunzionamento dell’airbag

Leggi anche: Mopar celebra 10 anni con Fiat Chrysler con il lancio di un’edizione speciale Dodge Challenger

Argomenti: