Dal 2020 in Europa sarà obbligatoria la frenata automatica d’emergenza

Dal 2020 in Europa la fermata automatica d'emergenza sarà obbligatoria in tutte le auto di nuova immatricolazione

di , pubblicato il
Dal 2020 in Europa la fermata automatica d'emergenza sarà obbligatoria in tutte le auto di nuova immatricolazione

Quaranta paesi, compresi quelli dell’Unione Europea e il Giappone, hanno concordato un progetto di regolamento delle Nazioni Unite per l’introduzione obbligatoria in tutti i veicoli dei sistemi avanzati di frenata di emergenza (AEBS) per le nuove auto e veicoli commerciali leggeri a partire dal 2020, secondo quanto fatto trapelare dall’agenzia delle Nazioni Unite. Il nuovo regolamento, obbligatorio per i paesi che lo adotteranno a giugno, imporrà requisiti rigorosi e armonizzati per la frenata automatica a velocità fino a 60 km / h per salvare vite umane, specialmente in contesti urbani. Lo ha confermato la Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE) nelle scorse ore.

Dal 2020 in Europa la fermata automatica d’emergenza sarà obbligatoria in tutte le auto di nuova immatricolazione

Il Giappone e l’Unione Europea hanno affermato che il nuovo sistema di frenata automatica d’emergenza detto anche AEBS diventerà obbligatorio. Questo sistema riguarderà dunque circa 4 milioni di auto in Giappone e circa 15 milioni di nuove auto all’anno in Europa. “Il sistema in questione attiverà il freno per evitare un incidente, non si tratta di guida autonoma ma semplicemente di frenare”, ha detto il portavoce dell’UNECE Jean Rodriguez in un briefing con la stampa che chiedeva spiegazioni. Grazie alle innovazioni tecnologiche il numero di incidenti mortali nelle strade nei prossimi anni dovrebbe ridursi notevolmente.

Leggi anche: In Europa il segmento delle city car è in difficoltà, Volkswagen e PSA pronte all’addio

Frenata automatica d’emergenza: dal 2020 in Unione Europea sarà obbligatoria per le auto di nuova immatricolazione

Leggi anche: BMW e Daimler: la Joint Venture per la mobilità condivisa ottiene l’ok dall’antitrust

Argomenti: