Daimler sviluppa un segnale acustico per gli ibridi e gli EV

Daimler cerca di dare un suono diverso ad ogni veicolo elettrificato della sua gamma dopo che dall'1 luglio il sistema AVAS è obbligatorio

di , pubblicato il
Daimler

Dal 1 ° luglio scorso, il sistema AVAS, un dispositivo speciale che genera un suono per i pedoni che sapranno così che un veicolo elettrificato si trova nelle vicinanze, è obbligatorio. I ricercatori Daimler hanno anche aggiunto un suono speciale per ciascuno dei modelli elettrici offerti da Mercedes e Smart. I tecnici hanno già iniziato a lavorare e stanno sviluppando un suono speciale che anticipa l’arrivo dei diversi modelli elettrici offerti dalla casa della stella per ogni modello come ad esempio il nuovo EQC. L’obiettivo proposto è che, a differenza della creazione di un tono standard, ogni modello abbia il suo suono.

Daimler cerca di dare un suono diverso ad ogni veicolo elettrificato della sua gamma dopo che dall’1 luglio il sistema AVAS è obbligatorio

Il segnale di avviso funziona fino a una velocità di 20 km / h , da cui è sufficiente il rumore del mezzo in movimento per avvertire la sua presenza. Pertanto, gli specialisti del suono di Daimler stanno lavorando ad un tono che, in aggiunta, è associato al tipo di veicolo, che si tratti di un SUV, di una compatta, di una berlina o di uno sportiva, nel centro tecnico di Mercedes, attrezzato con microfoni speciali ed eseguendo migliaia di simulazioni, misurazioni, valutazioni, con l’obiettivo di raggiungere la perfezione tipica del marchio. Inoltre non molte settimane fa, la divisione sportiva di Mercedes-AMG ha chiesto alla famosa band Linkin Park di ascoltare i suoni per i loro futuri modelli ad alte prestazioni alimentati dall’elettricità.

Leggi anche: ZF fornirà a Daimler ampie parti del sistema di trasmissione per Mercedes EQC

Daimler AVAS

Daimler cerca di dare un suono diverso ad ogni veicolo elettrificato della sua gamma dopo che dall’1 luglio  il sistema AVAS è obbligatorio

Leggi anche: Mercedes si conferma leader nel segmento premium nella prima metà del 2019

 

Argomenti: