Carlos Ghosn si dimette dalla Renault

Renault: nelle scorse ore il numero uno Carlos Ghosn ha rassegnato le dimissioni dopo l'arresto avvenuto in Giappone a fine novembre

di , pubblicato il
Ghosn

Per due decenni Carlos Ghosn è stato uno dei massimi esponenti dell’industria automobilistica globale. Il suo incarico in seno alla Renault è finito però nelle scorse ore in modo umiliante, in un’angusta cella di prigione alla periferia di Tokyo. Il 64enne si è dimesso da presidente e amministratore delegato della più grande casa automobilistica francese nelle scorse ore. Lo ha confermato il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire a Bloomberg TV in un’intervista rilasciata giovedì al World Economic Forum di Davos, in Svizzera.

Renault: nelle scorse ore il numero uno Carlos Ghosn ha rassegnato le dimissioni dopo l’arresto avvenuto in Giappone

Carlos Ghosn dunque è destinato a essere sostituito come presidente dal capo della Michelin Jean-Dominique Senard e in qualità di CEO da Thierry Bollore che si sta occupando a titolo provvisorio delle sue funzioni, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Il portavoce del governo francese Benjamin Griveaux ha confermato alla radio locale che il duo sarà presentato al consiglio della Renault giovedì, senza specificare i ruoli.

Ecco cosa rischia l’ex numero uno della casa francese

È una svolta che pochi avrebbero previsto prima del 19 novembre, quando la polizia ha circondato il jet privato di Carlos Ghosn poco dopo il suo atterraggio all’aeroporto di Haneda. Il dirigente è in custodia da allora, accusato di misfatti finanziari in Nissan Motor Co., che comprendono la sottovalutazione del suo reddito di decine di milioni di dollari e il trasferimento di perdite commerciali personali alla società. Se condannato, potrebbe affrontare decenni di carcere. Ghosn ha negato  tutti gli illeciti.

Leggi anche: Fiat Chrysler, Volkswagen e Renault: crollo delle vendite a settembre in Europa

Renault

Renault: nelle scorse ore il  numero uno Carlos Ghosn ha rassegnato le dimissioni dopo l’arresto avvenuto in Giappone a fine novembre

Leggi anche: Renault Arkana è il nome del nuovo coupé SUV che sarà svelato al Salone di Mosca

Argomenti: