Carlos Ghosn potrebbe essere fuggito dal Giappone all’interno di una scatola

Il Wall Street Journal afferma che Carlos Ghosn sia fuggito dal Giappone all'interno di uno scatolone

di , pubblicato il
Ghosn

Il Wall Street Journal afferma che Carlos Ghosn sia fuggito dal Giappone all’interno di uno scatolone. L’ex numero uno di Nissan e Renault in qualche modo è entrato in contatto con un uomo di nome Michael Taylor, un ex berretto verde con esperienza nel mondo degli appaltatori di sicurezza. Si sostiene che Taylor abbia preparato l’aereo usato per far fuggire Ghosn dal Giappone a Dubai prima di far volare Ghosn prima in Turchia e poi in Libano.

Il Wall Street Journal afferma che Carlos Ghosn sia fuggito dal Giappone all’interno di uno scatolone

Il piano sarebbe stato avviato il 28 dicembre.

Secondo quanto riferito, alle 14:30 di domenica Ghosn è stato avvistato mentre lasciava la sua casa a Tokyo da solo mentre indossava un cappello e una maschera chirurgica che gli copriva il viso. L’uomo avrebbe così raggiunto l’aeroporto internazionale di Kansai di Osaka. Carlos Ghosn sarebbe stato quindi caricato su un jet privato all’interno di una custodia nera su ruote normalmente utilizzata per trasportare apparecchiature per spettacoli teatrali per musicisti.

Tuttavia, secondo il ministro libanese per gli affari presidenziali, Salim Jreissati, Carlos Ghosn “è entrato legalmente nel Paese usando il suo passaporto francese e un documento di identità libanese”. Carlos Ghosn ha insistito che la sua famiglia non è stata coinvolta nella fuga. Nella conferenza stampa di ieri Ghosn ha detto che al momento dell’arresto stava lavorando alla fusione di Renault con Fiat Chrysler. Questo secondo lui sarebbe il motivo del complotto nei suoi confronti.

Leggi anche: Carlos Ghosn accusato per la quarta volta dai pubblici ministeri giapponesi

Argomenti: