Bollo auto storiche 2017: ecco come stanno le cose attualmente

Bollo auto storiche: le ultime novità sulla questione che ancora oggi crea grande confusione e spinge gli addetti ai lavori a sperare in una rivoluzione

di Andrea Senatore, pubblicato il
Bollo auto

La questione Bollo auto storiche ha tenuto banco per molto tempo nel nostro paese tra gli appassionati di motori ed in particolare tra i possessori di auto da 20 a 29 anni di età. Infatti queste vetture dal 2015 non sono più esentate dal pagamento del bollo auto storiche dopo la decisione presa dal governo Renzi che attraverso la Legge di Stabilità ha cancellato la precedente esenzione lasciandola solo per le auto over 30. 

 

La decisione sul bollo auto storiche sollevò un vespaio di polemiche tra i possessori di auto tra i 20 e i 29 anni di età e anche tra gli addetti ai lavori, che hanno lamentato un calo degli affari piuttosto marcato, in quanto con l’aumento delle spese per il mantenimento di questi veicoli è diminuito in Italia il numero di possessori. Infatti molti hanno preferito rottamare la propria auto o venderla all’estero.

 

Alcune regioni hanno provato ad opporsi affermando che fosse una propria scelta fare pagare o meno il Bollo auto storiche. Il Governo però ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale per risolvere la questione. La consulta ha dato ragione all’esecutivo per Basilicata e Umbria. Questo in quanto il bollo è un tributo regionale derivato dal potere statale ed in quanto tale può essere modificato solo dal potere centrale Inoltre segnaliamo che l’iscrizione ASI che un tempo garantiva di ottenere una riduzione del bollo, adesso in molte regioni non garantisce più lo sconto.

 

Leggi anche: Bollo auto storiche: la Consulta boccia il Veneto

 

Bollo auto storiche

Bollo auto storiche

 

In questo momento continua ad esserci molta confusione tra i proprietari di auto storiche da 20 a 29 anni. C’è infatti chi ha pagato il bollo in versione ridotta credendo di averne diritto e adesso si trova a dover pagare pesanti cartelle esattoriali. In questo momento Emilia-Romagna, Lombardia e Provincia di Bolzano sono le uniche che hanno una legge diversa da quella statale e sanno con certezza di potere mantenerla. Per il resto la confezione regna sovrana e si spera venga fatta ulteriore chiarezza. In tanti si augurano comunque che nei prossimi mesi importanti modifiche possano arrivare alla legge attuale che impone il pagamento del bollo auto storiche. 

 

 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Motori