BMW sta acquistando miliardi di batterie da CATL e Samsung SDI

Il BMW Group ha assegnato ai due produttori di celle a batteria CATL e Samsung SDI ulteriori ordini per diversi miliardi di euro

di , pubblicato il
Bmw

Il BMW Group ha assegnato ai due produttori di celle a batteria CATL e Samsung SDI ulteriori ordini per diversi miliardi di euro. La casa automobilistica tedesca intende coprire il fabbisogno di celle della batteria fino al 2031. Il volume degli ordini CATL, che originariamente era pari a quattro miliardi di euro quando è stato annunciato a metà 2018, aumenterà a 7,3 miliardi di euro (periodo del contratto: dal 2020 al 2031). Le celle saranno consegnate dal 2020 al 2031. Inoltre, il BMW Group ha concluso un contratto di fornitura a lungo termine con Samsung SDI. Il contratto ha un volume di ordini di 2,9 miliardi di euro (periodo del contratto: dal 2021 al 2031).

Il BMW Group ha assegnato ai due produttori di celle a batteria CATL e Samsung SDI ulteriori ordini per diversi miliardi di euro

Le celle dei due fornitori verranno quindi utilizzate nella quinta generazione di unità eDrive, che BMW intende installare per la prima volta nell’iX3 annunciato per il 2020. Successivamente, anche l’i4 e la versione di serie di iNext saranno dotati di questa tecnologia. L’iX3 sarà inizialmente lanciato in Cina e quindi riceverà le celle CATL dalla produzione locale. Le celle CATL per i modelli realizzati negli impianti tedeschi verranno quindi dall’impianto di celle a batteria CATL attualmente in costruzione a Erfurt. BMW afferma che è il primo cliente dell’impianto. “Abbiamo sostenuto e accompagnato intensamente la creazione di CATL in Germania”, afferma Andreas Wendt, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG per la rete di acquisti e fornitori.

Insieme all’accordo Samsung, BMW vuole coprire la sua richiesta di celle a batteria per i suoi veicoli elettrificati (la BMW attualmente si affida più al PHEV che al BEV).

“Ogni generazione di celle viene assegnata al produttore tecnologicamente ed economicamente leader nella competizione globale”, afferma Wendt. “Questo ci consente di accedere alla migliore tecnologia cellulare possibile in ogni momento”.

Con il passaggio alla quinta generazione di azionamenti elettrici, BMW sta anche affrontando un cambio di paradigma nella sua politica di acquisto: dal 2020, la società con sede a Monaco acquisterà le due materie prime chiave cobalto e litio direttamente dalle miniere di materie prime – nel caso del cobalto in Marocco e in Australia. BMW quindi metterà queste materie prime a disposizione di Samsung SDI e CATL in modo che possano utilizzarle per le celle delle sue auto.

La casa bavarese spera che ciò comporterà la migliore trasparenza possibile per quanto riguarda l’origine delle materie prime e quindi il rispetto delle norme ambientali e dei diritti umani. La scorsa settimana, BMW ha aperto il Centro di competenza sulle celle a batteria di Monaco per il proprio sviluppo e ricerca.

Leggi anche: BMW dice che i veicoli elettrici non decolleranno fino a quando non ci saranno abbastanza stazioni di ricarica

Argomenti: