Bmw punta forte sugli ibridi in Europa incoraggiando i clienti ad usali in modalità elettrica

Il Piano "Electric City Drive" di Bmw incoraggia i conducenti di PHEV a spegnere il motore a combustione e utilizzare solo la batteria in città

di , pubblicato il
Il Piano

Al fine di evitare multe UE, BMW si affida alla sua crescente gamma di modelli ibridi plug-in per contribuire a ridurre le sue emissioni di CO2 della flotta in tutto il continente. Tuttavia, i PHEV hanno affrontato critiche sul fatto che, anche se possono essere guidati in modalità puramente elettriche, la maggior parte non sono progettati pensando a questo specifico compito.

La soluzione a questo problema secondo la casa bavarese risiede nel suo nuovo Piano “Electric City Drive”. Questo piano incoraggia i conducenti di PHEV a spegnere il motore a combustione e utilizzare solo la batteria quando si è a Rotterdam, in Olanda.

Il Piano “Electric City Drive” di Bmw incoraggia i conducenti di PHEV a spegnere il motore a combustione e utilizzare solo la batteria in città

I partecipanti a questo programma guadagnano punti per ogni chilometro guidato elettricamente e possono persino competere tra loro per ricevere alcuni premi. “Riteniamo che questo sistema dovrebbe servire da modello, poiché affronta in modo intelligente i problemi nelle aree urbane”, ha affermato il direttore finanziario di BMW Nicolas Peter in un’intervista. “Vogliamo presentare questo concetto interessante ai sindaci di altre città”. Secondo gli studi di BMW, gli ibridi plug-in con un’autonomia di almeno 60 km sono guidati in modalità elettrica tanto quanto i veicoli completamente elettrici, rendendoli una scelta ideale per i pendolari che temono che le auto con motori a combustione possano essere vietato nelle città, ma possono permettersi di possedere una sola auto.

Il problema sta nel fatto che molti PHEV sono stati acquistati come auto aziendali aiutati da generosi incentivi fiscali. Tuttavia, dal momento che questo tipo di auto in genere ha costi di carburante coperti dalla stessa azienda, i conducenti semplicemente non utilizzano abbastanza la modalità elettrica. “L’immagine degli ibridi plug-in non è stata eccezionale in passato”, ha dichiarato un membro della BMW. “Ci giova se possiamo scoprire come cambiarla, come dimostrare che possono essere usati nel modo giusto.”

Le auto che partecipano al progetto di Rotterdam dispongono di un propulsore collegato al GPS. Non appena il sistema riconosce che il veicolo è entrato in un’area predefinita come il centro città, chiede al conducente di passare alla modalità EV. “Oggi è una scelta che il conducente può compiere liberamente perché non esiste una legge in vigore”, ha aggiunto il CFO del fabbricante automobilistico. “Ma in futuro potrebbe essere fatto automaticamente tramite software.

Ciò significa che non appena si arriva in città, si passa alla modalità elettrica e non si può tornare indietro finché si è in centro. ”

Leggi anche: BMW batte Mercedes e Audi come numero di auto vendute a maggio in USA

Bmw

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: