BMW ha consegnato oltre 171.000 veicoli a febbraio

Il gruppo tedesco perde terreno a febbraio 2019 a livello globale: -4,1 per cento

di , pubblicato il
bmw

Dopo una crescita delle vendite a gennaio, grazie all’arrivo della nuova Serie 3, le consegne del gruppo Bmw sono leggermente diminuite a febbraio con un totale di 171.501 unità immatricolate pari a -4,1 per cento rispetto allo scorso anno. Le consegne da inizio anno da parte del gruppo bavarese sono state pari a 341.977 (-1,9%). “Con l’attuale cambio di modello della berlina Serie 3, ci aspettavamo che l’anno iniziasse lentamente”, ha commentato Pieter Nota, membro del consiglio di amministrazione di BMW responsabile delle vendite.

“Tuttavia, la nuova Serie 3, che ha avuto ottime recensioni sui media, sta arrivando negli showroom proprio ora e ha già un portafoglio ordini molto forte. La serie 3, insieme agli entusiasmanti nuovi modelli che abbiamo presentato a Ginevra questa settimana, inclusi quattro nuovi ibridi plug-in, ci consentirà di aumentare le vendite man mano che l’anno continua. Rimango fiducioso che raggiungeremo un leggero aumento delle vendite nel 2019 rispetto allo scorso anno.”

Il gruppo tedesco perde terreno a febbraio 2019 a livello globale: -4,1 per cento

Nei primi due mesi dell’anno sono stati consegnati ai clienti un totale di 297.640 (-2,0%) veicoli a marchio BMW. Le vendite della berlina Serie 3, che rappresentava il 13% delle vendite complessive del marchio tedesco nel 2018, è in calo del 13,4% (37.232) nei primi due mesi di quest’anno. Il nuovo modello raggiungerà la piena disponibilità durante il secondo trimestre. Le vendite del marchio MINI sono state leggermente inferiori a febbraio rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, con 23.068 (-1,1%) consegnate nel mese. Da inizio anno, 43.644 veicoli (-1.4%) sono stati consegnati ai clienti di tutto il mondo.

Leggi anche: Bmw e Mercedes investiranno 1 miliardo di euro in un piano di car sharing congiunto

Bmw

Bmw: Il gruppo tedesco perde terreno a febbraio 2019 a livello globale: -4,1 per cento

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia e Stelvio perdono terreno in USA rispetto alle rivali di Audi, Bmw e Mercedes

Argomenti: